Incidente tra ciclisti sui Colli euganei, uno è gravissimo

Un 65enne di Cona è ricoverato in area rossa. Lunedì pomeriggio si è schiantato a terra dopo aver travolto un altro sportivo. All'origine della caduta potrebbe esserci un malore

Elicottero del Suem di Padova (foto d'archivio)

Drammatico incidente ciclistico nel pomeriggio di lunedì sui colli euganei. È ricoverato in gravi condizioni un 65enne veneziano, di Cona, vittima di una caduta causata forse da un malore. La notizia è riportata da PadovaOggi.

La caduta

La dinamica è ancora al vaglio della polizia locale di Teolo (Padova), intervenuta alle 16.15 in località Castelnuovo. Coinvolti due ciclisti, un 56enne di Jolanda di Savoia, nel Ferrarese, e il 65enne di Pegolotte di Cona. Ad avere la peggio è stato quest'ultimo, finito rovinosamente a terra dopo un tentativo di sorpasso. Stando alle prime ricostruzioni entrambi i cicloamatori stavano percorrendo un sentiero sterrato in discesa. Prendendo velocità, il più giovane ha fatto cenno al veneziano invitandolo a superarlo per lasciargli libera la strada. Il 65enne ha cominciato il sorpasso ma, arrivato fianco a fianco con il ferrarese, lo ha colpito accasciandosi sulla bicicletta e schiantandosi a terra.

Il ferito

Le sue condizioni sono parse subito molto gravi: la velocità e il terreno accidentato hanno provocato un forte urto e lasciato esanime il 65enne. L'altro ciclista è ruzzolato a terra rimediando qualche graffio e subito dopo ha allertato i soccorsi, arrivati sul posto con l'elicottero. Il veneziano è stato imbarellato e trasportato al pronto soccorso di Padova, dove è ricoverato in codice rosso. Al momento la prognosi resta riservata. Il ferrarese se l'è cavata con delle escoriazioni e un terribile spavento.

Le indagini

Per eseguire i rilievi e capire la causa dell'incidente è intervenuta la polizia locale. Secondo le prime ipotesi a innescare la caduta potrebbe essere stato un improvviso e grave malore del 65enne che, forse nello sforzo del sorpasso, potrebbe essere collassato. Al momento non si può comunque escludere l'ipotesi della manovra errata, mentre ogni responsabilità di terzi pare esclusa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento