Incidenti stradali Viale Panama

Caorle: distratto alla guida travolse e uccise un anziano, patteggia un anno

S.P., 39enne, il 28 febbraio 2011 investì Livio Montino, 86enne compaesano che camminava a lato della strada provinciale 54. Il gip ha accettato la richiesta di patteggiamento

Livio Montino, la vittima

Venne investito in pieno mentre camminava a bordo della strada a pochi metri dalla sua abitazione a Sansonessa, località di Caorle. Così morì il 28 febbraio 2011 Livio Montino, 86enne agricoltore nato e cresciuto nella cittadina marinara. A carico del 39enne compaesano che si trovava alla guida, S.P., il gip di Venezia Antonio Liguori ha ammesso la richiesta di patteggiamento, comminando un anno di reclusione e la sospensione della patente per un anno.

I familiari della vittima, seguiti dalla Giesse di Portogruaro, società specializzata in risarcimento danni, hanno così ottenuto giustizia. L'incidente avvenne poco prima delle dieci di mattina lungo la strada provinciale 54 a causa di una disattenzione della persona al volante. Controllando gli specchietti, non si era accorto di avvicinarsi sempre più al bordo della carreggiata, dove si trovava l'anziano.

Stando al racconto reso dall'investitore agli agenti di polizia locale, pochi secondi prima dell’incidente un’auto gli si immise davanti da una laterale, costringendolo a una brusca frenata e a un sorpasso. Non appena compiuta la manovra e rientrato nella propria corsia di marcia, "guardai più volte nello specchietto per vedere chi vi fosse alla guida", dichiarò il 39enne nei verbali di deposizione. Nel distrarsi, non si accorse però di avvicinarsi sempre più al margine esterno della corsia, fino al tragico investimento di Montino: l’impatto, violentissimo, non diede scampo all’anziano, morto sul colpo a causa dei gravissimi traumi interni.


"Nonostante l’evidente distrazione dell’automobilista - spiegano Bruno Marusso e Ketty Tesolin, responsabili di Giesse Portogruaro - la compagnia assicuratrice ha tentato di addurre un concorso di colpa sostenendo che, nel momento in cui venne investito, il povero Montino stesse attraversando la strada al di fuori dalle strisce pedonali. Ciò nonostante, siamo riusciti a gestire in tempi brevi l’aspetto risarcitorio, dimostrando che il pedone venne travolto a bordo strada a causa di una banale quanto tragica distrazione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caorle: distratto alla guida travolse e uccise un anziano, patteggia un anno

VeneziaToday è in caricamento