Tragico incidente a Mestre, Omar Stefani muore cadendo nel canale

Il 20enne, all'ultimo anno dell'istituto "Volta", alle 12 di sabato è finito con la moto contro il guard-rail in via Bissagola. Cadendo in acqua

I soccorsi e la vittima

Sbanda con la moto e impatta contro il guard-rail, dopodiché viene disarcionato e finisce nel canale scolmatore. Una tragedia che lascia senza parole sabato mattina verso le 12 in via Bissagola a Mestre, in zona Bissuola. Omar Stefani, 20 anni, frequentante l'ultimo anno dell'istituto professionale "Volta", ha perso la vita tornando a casa da scuola nonostante i primi soccorsi di alcuni passanti e di un amico che lo aspettava in fondo alla strada senza uscita, dove si trova un magazzino di proprietà comunale.

Sembra probabile che il decesso sia sopravvenuto per annegamento, ma solo gli accertamenti successivi potranno essere più esaurienti. Fatto sta che a un certo punto, mentre era diretto verso la fine della strada, il giovane è sbandato verso sinistra con la sua Kawasaki 250 enduro (acquistata da circa una settimana) finendo contro il guard-rail. Sbattendo a quanto sembra anche la testa. Il motociclo, poi, è rimasto in strada, mentre il malcapitato è finito dentro il canale scolmatore. Nessuno avrebbe assistito all'incidente, ma subito sul posto sono intervenuti alcuni passanti, compreso l'amico. Il quale nella disperazione si sarebbe tuffato per portare in salvo il giovane. Via Bissagola, infatti, è molto frequentata dagli amanti del footing e da chi vuole trascorrere il sabato mattina all'aria aperta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nonostante l'intervento immediato dei passanti che hanno cercato di recuperare il giovane dall'acqua con difficoltà, viste le pareti in cemento del canale scolmatore, e gli sforzi dei sanitari del Suem, che gli hanno praticato le prime manovre di rianimazione con l'aiuto anche dei vigili del fuoco, non c'è stato nulla da fare. E' stato utilizzato pure un defibrillatore, senza successo. Il giovane è spirato sul ciglio della strada. Lasciando nella disperazione i genitori, i quali risiedono poco distante in via Virgilio, gli amici e i compagni di classe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

Torna su
VeneziaToday è in caricamento