menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'auto distrutta (vigili del fuoco)

L'auto distrutta (vigili del fuoco)

Tragico incidente a Eraclea tra un autobus Atvo e un Suv, un morto

Lo schianto alle 18 di martedì in via Fausta, vicino Ponte Crepaldo. Il conducente dell'auto, Carlo Borin, 76enne di Jesolo, è deceduto sul colpo

Tragico incidente stradale in via Fausta a Eraclea, nelle vicinanze di Ponte Crepaldo. Poco dopo le 18 di martedì, infatti, un autobus di linea Atvo diretto verso Caorle, per cause ancora al vaglio delle forze dell'ordine, si è scontrato con un Suv che proveniva dal senso di marcia opposto, il quale avrebbe invaso l'altra corsia. Per il conducente del veicolo, Carlo Borin, ex vicecomandante della polizia municipale di Jesolo, 76enne, non c'è stato nulla da fare, vista la differenza di mole tra i due mezzi.

Devastante l'impatto tra il pullman e la Land Rover Freelander che la vittima stava guidando. Il fuoristrada è stato disintegrato dal botto, mentre l'autobus ha subito un guasto al sistema frenande, proseguendo la propria corsa per circa duecento metri a lato strada, vicino alla pista ciclabile. Travolgendo anche due pali dell'illuminazione pubblica. Solo il caso ha voluto che in quel momento nessun pedone o ciclista si trovasse in traiettoria. Sarebbe stato spacciato. Purtroppo però, l'urto con l'altra auto non ha lasciato spazio a Carlo Borin: il suv, infatti, dopo essersi schiantato con l'angolo anteriore sinistro sul pullman si è ribaltato nel fossato sulla destra, ribaltandosi. Il 76enne è deceduto sul colpo a causa dei gravi traumi toracici riportati. Inutili i tentativi di soccorso dei sanitari del Suem e dei vigili del fuoco, che hanno potuto estrarre solo dopo lungo tempo la salma della vittima.

L'incidente nelle vicinanze della trattoria Tortoletto, sulla strada principale. Strada che per permettere l'intervento dei soccorritori (sul posto ambulanze, vigili del fuoco, carabinieri e polizia municipale) è stata chiusa al transito. A bordo del pullman quattordici passeggeri che, nonostante il grosso spavento, non avrebbero riportato traumi gravi. Atvo per garantire il servizio ha fatto pervenire sul posto un mezzo sostitutivo che ha fatto salire a bordo pendolari e viaggiatori. Purtroppo hanno raggiunto il luogo dell'incidente anche la moglie e la figlia del 76enne, che hanno appreso nel peggiore dei modi della morte del loro caro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento