menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La casa in cui è "piombata" l'auto

La casa in cui è "piombata" l'auto

Incidente a Scorzé in via Moglianese: auto "vola" nel giardino di una villetta

Poco prima delle 14.30 un uomo residente a Peseggia avrebbe perso il controllo della sua Fiat Bravo andando a schiantarsi su un muretto. E' ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Mestre

E' letteralmente "volato" dentro il giardino di una villetta a Scorzé. Forse un malore, forse una disattenzione, fatto sta che un uomo residente a Peseggia, pochi minuti prima delle 14.30, ha perso il controllo della sua Fiat Bravo nera, ha sbandato zigzagando per un centinaio di metri per poi, tutto d'un tratto, inchiodare e schiantarsi sulla recinzione di una villetta alla sua sinistra, abitata da una famiglia di tre componenti: padre, madre e figlioletta. Nessuno di loro fortunatamente nel momento "dell'intrusione" si trovava fuori casa.

La forza dell'urto ha completamente distrutto l'auto, che, una volta incuneatasi all'interno del giardino, ha cozzato con il retro contro un secondo muretto "a protezione" del cancello, voltandosi così di 180 gradi. Nel momento in cui la Fiat, che stava transitando in direzione del centro di Scorzé, ha concluso la sua folle corse il suo muso guardava verso la strada.

In gravi condizioni, anche se non in pericolo di vita, la persona alla guida. Durante i primi soccorsi a tratti avrebbe perso conoscenza, per poi tornare in sé. Sul posto è intervenuto l'elicottero del Suem, che è atterrato in un campo poco distante. Non è ancora chiaro però se il ferito sia stato stato elitrasportato all'ospedale Dell'Angelo di Mestre o sia stato stabilizzato e poi caricato "semplicemente" in ambulanza.


I vigili del fuoco sono intervenuti "in forze" per estrarre l'automobilista dall'abitacolo, rimasto incastrato tra le lamiere, e per liberare il giardino dal veicolo. Sul posto per ricostruire la dinamica di quanto accaduto i carabinieri della locale stazione, che hanno ascoltato le versioni di alcuni testimoni che stavano percorrendo la pista ciclabile sul lato destro della strada quando si sono visti superare da un "proiettile" a quattro ruote. Un uomo stava sopraggiungendo a bordo della sua auto nel senso di marcia opposto: avrebbe, secondo alcune persone che hanno assistito all'accaduto, dovuto inchiodare per evitare di essere colpito in pieno. Sui sedili posteriori era seduta sua figlia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento