menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Venezia-Trieste: raffica di schianti Inferno-code, Passante riaperto

Confermata la giornata da "bollino nero": sabato disagi dalle 7.30, quando c'è stato il primo incidente tra Cessalto e San Donà di Piave

Venerdì è suonato il primo campanello d’allarme, sabato mattina la situazione è diventata un inferno. Schianti, code, rallentamenti e deviazioni su tutta la tratta Venezia-Trieste, era stata definita una giornata “da bollino nero” e le previsioni sono state ampiamente rispettate. Migliaia di veicoli in strada fin dal primo mattino, incidenti a catena, lunghe code in direzione Trieste e Passante chiuso. Ai vacanzieri che partono per la settimana in Croazia o sulle spiagge del litorale veneziano si sono aggiunti anche moltissimi “pendolari”, complice una mattinata di sole attesa da giorni.  

I primi problemi come detto si sono già verificati venerdì sera, sempre sulla tratta Venezia-Trieste gestita dalla concessionaria Autovie Venete. In serata si sono formati sette chilometri di coda tra Cessalto e San Donà di Piave, a causa di uno schianto che ha visto coinvolti ben cinque veicoli. Ma la preoccupazione ovviamente era tutta per la giornata di sabato.

Nella notte non si sono registrati particolari disagi, con massimo tre chilometri di coda nella tratta. L’inferno è iniziato alle sette e trenta del mattino, con un’impressionante raffica di incidenti che hanno provocato code e rallentamenti a macchia di leopardo. Alle 7.20 si è verificato uno schianto tra tre auto, di cui due rovesciate, tra l’uscita di Portogruaro e quella di Latisana. Da quel momento in poi tutto è stato difficile: poco dopo le otto un altro incidente ha visto coinvolti tre feriti, tra l’uscita di San Donà e l’allacciamento tra A4 e a 57.

In mattinata è stato segnalato anche un incidente nei pressi di Meolo, con una persona incastrata nell’abitacolo e soccorsa dai sanitari. I disagi sono proseguiti pesantemente anche nelle ore successive con code fino a 11 chilometri, a partire dalle 10.30 il Passante di Mestre è stato chiuso con deviazione obbligatoria sulla A27/A28.  Dopo un paio d'ore è stato riaperto completamente alla circolazione. La Polstrada ha fatto sapere che i chilometri di coda sono scesi a tre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento