menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gondolieri e Actv: Canal Grande da terra "di conquista" a "condivisa"

I rappresentanti delle categorie hanno creato un tavolo di confronto permanente comune per discutere delle nuove direttive di Ca' Farsetti

Le categorie che ogni giorno si trovano gomito a gomito in acqua non "possono aspettare dal Comune le direttive". Quindi si rimboccano le maniche e iniziano a collaborare. Questo l'intento annunciato da Ente gondola, l'associazione dei bancali (il sindacato dei gondolieri) e Actv. "L'amministrazione comunale sta prendendo i provvedimenti necessari per ristabilire la sicurezza della navigazione. Ma, in questo momento, non possiamo solo aspettare dal Comune le direttive, perché ognuno deve fare al meglio il suo ruolo e quindi noi, dal basso, vogliamo testimoniare che Ente gondola, associazione dei bancali e Actv intendono collaborare", ha spiegato il presidente dell'Ente gondola Nicola Falconi.

ORSONI DISCUTE CON LE CATEGORIE

IL COMUNE RIVOLUZIONA IL CANAL GRANDE

I rappresentanti delle categorie si sono incontrati stamattina, gettando le basi di un tavolo di confronto "costruttivo": "Vogliamo intraprendere un percorso duraturo di collaborazione con le rappresentanze dei gondolieri - sottolinea Luca Scalabrin, presidente Actv spa -. Vogliamo creare un meccanismo virtuoso e individuare insieme le modalità per applicare e gestire le direttive che ci saranno indicate dal Comune. La convivenza pacifica, regolata da norme chiare e condivise, tra le due anime che esprimono la città è fondamentale".

LINEA 1 E LINEA 2 UNIFICATE?

Sulla stessa lunghezza d'onda il presidente dei bancali Aldo Reato: "Venezia si regge su equilibri delicati, non sono necessari stravolgimenti, ma piccole azioni da fare e da far rispettare sono ora indispensabili, come ad esempio la maggiore sorveglianza fissa lungo le vie di navigazione". Del resto, dichiara l'amministratore delegato di Actv spa e Avm spa Giovanni Seno, "la sicurezza è un valore assoluto che viene prima qualunque ideologia, servizio o obbiettivo economico e attorno al quale tutti i veneziani devono riunirsi, al di là di qualsiasi interesse di parte. La questione non è “chi comanda” in Canal Grande, ma come far parte di un sistema città accogliente, sicuro, rispettoso delle regole".

LA DENUNCIA DI REATO: "TROPPI VAPORETTI A RIALTO"

"Abbiamo organizzato questo incontro - sottolinea il presidente dell'Ente gondola Nicola Falconi - dopo una decina di giorni in cui il mondo del trasporto veneziano è sulla graticola per cercare di smorzare i toni e ricreare le basi della convivenza con Actv e i suoi equipaggi". Al termine dell'incontro l'annuncio che i gondolieri porteranno il feretro del turista al funerale di venerdì a Tubinga. "Saremo a Stoccarda", ha confermato il presidente dei bancali Aldo Reato.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento