Cronaca Via Noalese

Collaninno ammette gli esuberi Operai Aprilia con il fiato sospeso

Il patron del Gruppo Piaggio ha incontrato i sindacati a Pontedera. "L'azienda è sovradimensionato rispetto a questo mercato in crisi".

“Inutile nasconderci, il momento è delicato e noi siamo preoccupati. Chiederemo garanzie sugli investimenti e soprattutto sul mantenimento dei livelli occupazionali”. Così i rappresentanti di Fim Cisl e Fiom Cgil annunciavano il delicato faccia a faccia con il patron Collaninno in programma mercoledì pomeriggio nella sede toscana. Si sono seduti al tavolo con tante speranza, sono ripartati verso Noale con dubbi e preoccupazioni. "Ma non accettiamo alcun ridimensionamento, non tratteremo tagli e altre drammatiche conseguenze" spiegano.

Le maggiori preoccupazioni riguardano Scorzé: da qualche giorno sono state fermate alcune linee della produzione e lo stabilimento rischia di fermarsi quasi totalmente per alcune settimane tra novembre e dicembre. A gennaio scadrà il contratto di solidarietà proposto ai lavoratori per quattro anni di fila, in fabbrica c’è già fibrillazione.

A Noale la situazione appare per ora più tranquilla, ma al reparto Corse nelle ultime settimane c’è stato un piccolo terremoto interno: l’ingegnere Luigi Dall’Igna, grande capo e protagonista di tanti successi mondiali, è passato in Ducati lasciando il suo posto a Romano Albesiano. Un normale avvicendamento o un segnale di ridimensionamento? Se ne saprà di più nelle prossime settimane, quando i vertici aziendali dovrebbero incontrare i sindacati proprio a Noale. Prima, però, ci sarà una tesissima assemblea dei lavoratori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Collaninno ammette gli esuberi Operai Aprilia con il fiato sospeso

VeneziaToday è in caricamento