menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incontro tra pediatri e specialisti per discutere di obesità infantile

Il Centro Oliva organizza mercoledì un appuntamento con il professor Nazario Melchionda, SisDca, per parlare di bambini e alimentazione

Un incontro tra specialisti e medici di famiglia per discutere di obesità infantile, di come affrontarla e di come prevenirla. Mercoledì 24 luglio il professor Nazario Melchionda, presidente della SisDca (società italiana per lo studio dei disturbi del comportamento alimentare) e gli specialisti del Centro Oliva si confronteranno con un gruppo di pediatri del territorio proprio riguardo ai disturbi alimentari in tenera età.

Essendo l'obesità un fenomeno di tipo multifattoriale, la prevenzione e terapia deve rispondere in maniera altrettanto multi-integrata e persistente, in merito a tutti i fattori coinvolti, ancora di più che nell’obesità dell’adulto. Per questi motivi, il Centro Oliva propone un percorso di trattamento e prevenzione dell’obesità in età evolutiva che interviene su più livelli, coinvolgendo sia il bambino che la sua famiglia. Per quanto riguarda il bambino, alla fase iniziale di inquadramento diagnostico e di conoscenza generale, fa seguito un percorso personalizzato. Esso mira a renderlo soggetto informato e protagonista di scelte di salute, che avranno valore sia per il suo presente sia per il suo futuro di adulto più sano e quindi più felice.

Gli obiettivi riguardano un’educazione al corretto stile di vita, con l’apprendimento di nozioni di base sul cibo, sul movimento, sulla modificazione di abitudini non corrette; la conoscenza del mondo interno del bambino e del suo rapporto con i contesti esterni in cui vive, quali la scuola,la famiglia, il gioco, lo sport; un’educazione alla conoscenza delle emozioni, con particolare attenzione alla sfera delle emozioni negative o di quelle interessate nel rapporto con il cibo e con il corpo del bambino.

Gli strumenti utilizzati sono il colloquio clinico con uno o più professionisti (medico, psicoterapeuta, psicoeducatore); il diario di bordo, un diario personale in cui il bambino trova riportate delle semplici regole da imparare e del materiale da compilare giorno per giorno; materiale didattico ed educativo, tra cui cd rom, gioco interattivo, disegno, gioco esperienziale e test proiettivi. Strumenti e percorsi variano e sono appositamente adeguati in base a due fasce d’età: quella che va dai 7 ai 10 anni e la seconda, dagli 11 ai 13 anni. Dai 14 ai 18 anni, essendoci già nei ragazzini una buona capacità di autogestione e consapevolezza, di pensiero complesso e di autonomia, il protocollo applicato è invece simile a quello dell’adulto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento