menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il ponte del 2 giugno riscuote consensi: 1 famiglia veneziana su 4 lo trascorrerà fuori casa

L'indagine dell'associazione tra i propri associati mostra come siano il 6% in più le persone che viaggeranno. In pole position le località di mare, ma non mancano nemmeno le città d'arte

Il bel tempo annunciato dai metereologi, la voglia di fuggire dal caldo, l’ottima collocazione del ponte nel calendario, che permette di organizzare una tre giorni di vacanza, le disponibilità economiche di chi ha lo stipendio alla fine del mese. Sono questi, in particolare, gli elementi che rendono la festa della Repubblica molto attraente per le famiglie veneziane. Secondo la consueta indagine dell’Adico effettuata tramite i propri soci (203 persone hanno risposto al questionario), circa una famiglia veneziana su quattro, il 23%, ha deciso per questo ponte di trascorrere fuori casa almeno una notte e due giorni, con un aumento del 6% rispetto al 2016.

Fra questi, uno su dieci ha puntato sulla prenotazione last minute, che permette naturalmente un maggior risparmio. Si conferma, come lo scorso anno, una netta preferenza per le località italiane (scelte dall’83% del campione) che evidenziano ancora una volta le paure legate agli attacchi terroristici. Il 21% del campione ha scelto una città d’arte, soprattutto Roma e Firenze. Ma la maggior parte, il 53%, se ne andrà in una località di mare, sia quelle del Veneziano (Jesolo, Sottomarina, Eraclea, Bibione), sia quelle di altre regioni con particolare predilezione per la Sicilia, sempre più ambita.

Del campione monitorato fra i soci dell’Adico, il 43% alloggerà in una casa, la propria o quella di amici o parenti. Il 27% dormirà in albergo, il 22% ha scelto bed and breakfast o agriturismo, l’8% altre sistemazioni. Il 63% del campione ha invece deciso di effettuare solo gite fuoriporta, soprattutto il venerdì. Sabato e domenica si prevedono molte escursioni in giornata, sia nelle località di mare, che sui colli o in montagna, dove è possibile respirare un’aria più fresca.

“Rispetto allo scorso anno, quando il 2 giugno cadeva di giovedì – commenta Carlo Garofolini, presidente dell’Adico –, registriamo un aumento di vacanzieri. E’ chiaro che, al di là delle difficoltà economiche che persistono, molte famiglie, magari anche con vari sacrifici, hanno deciso di passare qualche giorno fuori casa per cercare un po’ di relax. Teniamo però presente che, secondo il campione che abbiamo monitorato, tre famiglie su quattro non andranno via, se non per fare una gita fuori porta, soprattutto a pranzo. In ogni caso, sarà di certo un week end da bollino rosso sulle strade”.
inShare

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento