rotate-mobile
Giovedì, 9 Febbraio 2023
Cronaca Martellago / Via Stazione

Si stringe il cerchio attorno ai responsabili del pestaggio di Maerne

Indagano i carabinieri di Martellago. Le risposte nelle testimonianze e nelle immagini delle telecamere. Il post del sindaco Saccarola: «Voglio capire se stiamo facendo tutto il possibile per assicurare un ambiente sicuro ai nostri figli, a tutti i cittadini»

Si stringe il cerchio attorno ai responsabili del pestaggio ai danni di un 18enne di Maerne di Martellago, lunedì sera, mentre era in compagnia di un amico di 14 anni e della ragazza di lui di 13, in via della Stazione. Una decina i giovani responsabili di aver circondato, offeso e picchiato anche con un bastone il giovane appena maggiorenne che, verso le 21.30, era con gli amici vicino al supermercato Despar di via della Stazione. È lì che sono apparsi giovani con il capo e il volto coperto da sottocaschi e i tre, forse per l'istinto di evitarli e scansare guai, hanno attraversato la strada andando sul lato opposto e proseguendo verso la stazione. A quel punto, in base alle testimonianze, sarebbero stati seguiti. Tanto che il gruppo degli aggressori si è diviso e alcuni hanno attraversato accelerando il passo per raggiungere i tre amici. Hanno chiesto loro se conoscevano un tal persona e ricevendo risposta negativa hanno cominciato a schernirli. Il 18enne si è trovato un bastone puntato in faccia, poi è partito il primo pugno al volto e da lì botte ovunque. Solo la ragazzina è riuscita a scappare in tempo.

Il 14enne e l'amico più grande per diversi minuti hanno subito tutto questo da soli. Appena più tardi, quando i giovani a volto coperto si sono defilati salendo su due macchine, un anziano del posto che stava portando a spasso il suo cane Golden retriever bianco, si è avvicinato ai ragazzi, ha probabilmente chiamato i soccorsi e ha detto di essere riuscito a segnarsi almeno una delle due targhe. La sua testimonianza e le immagini delle telecamere sono la chiave di volta per scoprire le responsabilità del gruppo quella sera.

«La nostra comunità è molto scossa per quanto accaduto e non vi nascondo che io stesso mi trovo in un momento di grande riflessione - scrive il sindaco di Martellago, Andrea Saccarola - Perché può succedere un fatto del genere? Perché delle persone decidono di salire in macchina armate di manganelli e coltelli per aggredire dei ragazzi che stavano passeggiando e parlando tra di loro? La violenza non è mai una soluzione né può essere la valvola di sfogo di chi sente che la società non gli sta dando quello che vuole. Le forze dell'ordine faranno il loro lavoro e sono certo lo faranno benissimo tanto da individuare al più presto i colpevoli, ma credo che anche come amministratori dobbiamo fare qualcosa. Per questo, parlando con i nostri uffici del sociale, con le forze dell'ordine, con i dirigenti dei nostri istituti scolastici e con le parrocchie voglio capire se stiamo facendo tutto il possibile per assicurare un ambiente sicuro ai nostri figli, a tutti i cittadini. È un impegno personale che voglio prendermi per cercare di dar risposta alle domande che tutti noi abbiamo affinché la violenza non diventi mai abitudine».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si stringe il cerchio attorno ai responsabili del pestaggio di Maerne

VeneziaToday è in caricamento