Nuovi guai per la Edeco: indagini su presunti favoritismi

La procura di Padova ha aperto un fascicolo che riguarda il prefetto di Padova e la cooperativa che gestisce, tra l'altro, il centro accoglienza di Cona

La procura di Padova ha iscritto nel registro degli indagati il vicario della prefettura patavina, Pasquale Aversa, napoletano di Torre Annunziata, insieme all’ex funzionaria della stessa prefettura, Tiziana Quintario. Avviso di garanzia notificato dai carabinieri anche ai responsabili della cooperativa sociale Ecofficina (oggi Edeco), già al centro di altre inchieste sullo stesso tema, che gestisce, tra gli altri, i centri di prima accoglienza di Bagnoli e Cona: risultano coinvolti il presidente, la vice, un gestore e un consulente del lavoro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini

In diversi casi, secondo la procura di Padova, Aversa avrebbe favorito l’hub di Bagnoli di Sopra, avvisando in anticipo di imminenti ispezioni dell'Ulss o falsando alcuni dati. Ma c'è altro: i magistrati sospettano che siano stati confezionati bandi ad hoc per favorire Ecofficina a scapito di altre coop.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Auto cappottata al casello Mestre-Villabona

  • «I pusher nigeriani si sono impadroniti di Marghera, gang pericolosissima»

  • Pestaggio nella notte a Jesolo, uomo in ospedale lotta tra la vita e la morte

Torna su
VeneziaToday è in caricamento