Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca Ponte dell'Accademia

Il cerchio si stringe attorno ai responsabili dell'accoltellamento

Martedì alle 3 sopra il ponte dell'Accademia la violenta aggressione che ha mandato all'ospedale gravi due turisti australiani

Si stringe il cerchio attorno ai responsabili della brutale aggressione di martedì all'Accademia. Due uomini hanno riempito di coltellate due australiani sopra il ponte lasciandoli a terra sulla scalinata in legno in una pozza di sangue. Poi si sono dileguati, ma ora le indagini della squadra mobile della questura di Venezia potrebbero portare a stretto giro la polizia sulle tracce dei due violenti, anche grazie alle buone immagini riprese dalle telecamere in zona.

Prima l'incontro dei quattro, al quale era presente anche una ragazza giovane del Regno Unito, poi la lite e il coltello tirato fuori da uno degli aggressori che con furia cieca ha colpito a raffica gli australiani nei punti più delicati. Il più grave, G.G.O di 39 anni, sottoposto a intervento chirurgico è stato trasferito in terapia post operatoria al Civile di Venezia. L'altro, il 34enne A.Z.K., medicato e curato è stato ricoverato in osservazione. Una brutta discussione, probabilmente un regolamento di conti. La richiesta d'aiuto è stata lanciata subito dalla giovane sotto choc per l'aggressione agli amici, con i quali aveva trascorso la serata. Nei video si vedrebbe l'incontro prima dell'esplodere della violenza. C'è un dialogo all'inizio e subito dopo la lite che sfocia in un pestaggio, durante il quale in due si chinano sugli altri e iniziano a colpire anche con un'arma da taglio. La scia di gocce e macchie di sangue alla luce del giorno era ancora ben visibile sulle scale del ponte dell'Accademia, a testimoniare l'aggressione quasi mortale di qualche ora prima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cerchio si stringe attorno ai responsabili dell'accoltellamento
VeneziaToday è in caricamento