rotate-mobile
Cronaca

Veneti a letto con l'influenza a Natale: "Ma con una media più bassa di quella nazionale"

Feste senza picchi di malattia. Emerge un decesso: si tratta di una persona di 53 anni del Bellunese che soffriva di gravi patologie pregresse. Più colpiti i bambini piccoli

Veneti a letto con l'influenza ma nella media e con una frequenza sicuramente inferiore a quella nazionale. Sono questi i dati diffusi dalla Regione venerdì, nel rapporto 2017-2018 che ha fotografato la situazione di Natale e Capodanno.

I numeri

La direzione prevenzione della Regione ha elaborato i numeri inviati da una rete di 104 medici “sentinella” sul territorio, riferendo all'assessore alla Sanità, Luca Coletto. Nell’ultima settimana elaborata (25-31 dicembre) si calcola si siano messe a letto 23.605 persone, il che porta il totale da inizio sorveglianza (ottobre) a 66.988 casi.

Bambini piccoli più a rischio

La fascia d’età più colpita è quella dei bimbi tra zero e quattro anni, con un’incidenza di 15,15 casi ogni mille. La seconda fascia pediatrica (5-14 anni) ha registrato un tasso quasi doppio a quello della settimana precedente, con 7,14 casi ogni mille. Più contenuti gli aumenti tra gli adulti e gli anziani, con questi ultimi che segnalano il tasso d’incidenza (1,98 casi per mille) più basso tra le diverse fasce d’età. Tutte le incidenze suddivise per fasce d’età in Veneto sono ampiamente inferiori a quelle nazionali. Il Rapporto indica anche il primo decesso ufficialmente correlabile all’influenza. Si tratta di una persona di 53 anni, residente in provincia di Belluno, che soffriva di gravi patologie pregresse.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Veneti a letto con l'influenza a Natale: "Ma con una media più bassa di quella nazionale"

VeneziaToday è in caricamento