menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Panevin' nella notte, i livelli di pm10 si impennano: raffica di chiamate a 115 e 118

Cappa sul Veneziano, numerose segnalazioni. L'Arpav mostra un peggioramento sensibile nelle ultime ore: rio Novo, Bissuola, via Beccaria sopra i 200 microgrammi per metro cubo

Centrali operative dei vigili del fuoco e del 118 prese d'assalto tra venerdì sera e sabato mattina a causa del forte odore di bruciato, una vera e propria cappa di polveri sottili e fumo sul Veneziano, che ha generato preoccupazione segnalate dai cittadini, dopo i falò e i panevin accesi per festeggiare l'Epifania. In alcuni casi residenti hanno accusato anche lievi difficoltà respiratorie.

Falò dell'Epifania in tutta la provincia: inquinamento alle stelle ma niente limitazioni

Impennata di Pm10

I livelli di concentrazione dell'inquinamento nell'aria, misurati dalle centraline Arpav in Rio Novo, in via Beccaria e alla Bissuola nelle ultime 48 ore, mostrano un'impennata dei valori, con parametri di pm10, in microgrammi su metro cubo, superiori ai 200, dove una qualità accettabile starebbe sotto ai 50.

Schermata 2018-01-06 alle 10.23.45-2

Condizioni atmosferiche

E il tempo in Regione non aiuta, viste le nebbie e foschie, specie nelle ore più fredde, che tendono a trattenere le polveri sottili in atmosfera. Per la giornata di sabato non sono previste piogge nel Veneziano, mentre domenica il cielo sarà coperto ma qualche precipitazione potrebbe arrivare solo verso il tardo pomeriggio.

Epifania senza piogge (o quasi) in Veneto: previsioni meteo per il weekend

Sambo e Baglioni (Pd): "Misure immediate a tutela della salute"

"Oggi è una giornata drammatica per la qualità dell'aria del territorio comunale - scrivono la consigliera comunale del Pd, Monica Sambo e il componente della segreteria comunale del Pd, Alessandro Baglioni  - con livello di Pm10 che ha raggiunto i 254 µg/m³ alla stazione del parco Bissuola e i 234 µg/m³ in rio Novo. Si tratta di valori superiori di 4-5 volte i limiti di legge. La preoccupazione è ancora più alta considerando che questa sera sono in programma numerosi falò dell'epifania (panevin), diversi patrocinati dal Comune di Venezia, che comporteranno nuove emissioni di polveri sottili. Chiediamo al Sindaco misure immediate a tutela della salute pubblica. Più volte abbiamo denunciato la scarsa attenzione dell'amministrazione comunale e Metropolitana su questo tema. Quest'anno la situazione è addirittura peggiorata, dato che l'ordinanza di limitazione delle emissioni è sostanzialmente inapplicata e i pochi interventi finora adottati sembrano essere state abbandonati.


Nonostante le misure apparentemente rigidissime (blocco del traffico in tutto il Comune, comprese le zone in aperta campagna senza trasporto pubblico, con le auto diesel fino ad Euro 4 che sarebbero dovute rimanere in garage per molti giorni) la completa assenza dei controlli ha vanificato tutto. Non si sono visti i tradizionali posti di blocco preventivi nei vari punti di ingresso alla città, né si hanno notizie di sanzioni. Non solo. Nemmeno le misure alternative, come il biglietto agevolato Ecobus (che permetteva di viaggiare sui mezzi pubblici a prezzo calmierato durante i giorni di blocco del traffico) sono state adottate. Occorre un immediato cambio di rotta, per salvaguardare la salute pubblica".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento