menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furto e folle inseguimento in A4, Giulietta rossa sfonda il casello: ladro arrestato

Alla guida del mezzo, fermato mercoledì notte dai carabinieri, uno dei banditi che poco prima aveva messo a segno il colpo all'Optikrom di Mestre. Dentro occhiali per 15mila euro

Avevano fatto incetta di occhiali, prima di abortire il piano e fuggire con la refurtiva. Per un valore che si aggirava sui 15mila euro. Ad essere presa di mira dai banditi, nella notte di mercoledì, era stata l'Optikrom di via Appia a Mestre. Un colpo probabilmente studiato nel dettaglio, che per uno dei malviventi, G.N., cittadino moldavo di 29 anni, è terminato all'ospedale in stato di fermo.

Subito dopo la spaccata, il delinquente si sarebbe fatto carico di trasportare la refurtiva a bordo della propria automobile, un'Alfa Romea Giulietta rossa, scappando a folle velocità in direzione di Vicenza. I carabinieri, giunti in zona Terraglio negli attimi immediatamente successivi al colpo, non hanno potuto fare a meno di notare il mezzo sfrecciare nella direzione opposta alla propria, mettendosi subito all'inseguimento. Il collegamento con il furto che si era appena consumato in via Appia, infatti, è stato immediato. Il veicolo, nei radar delle gazzelle, ha imboccato ad altissima velocità l'autostrada A4 in direzione Milano, dove con pericolose manovre è riuscito a distanziare le pattuglie dei carabinieri e della polizia stradale, che nel frattempo era intervenuta in soccorso dei militari.

Dopo diversi chilometri di inseguimento, il conducente della Giulietta ha imboccato l'uscita di Montebello Vicentino, sfondando con il veicolo la barriera del casello autostradale. Complici l'impatto con l'asta e la folle velocità, il 29enne non è riuscito a mantenere il controllo dell'auto, finendo fuori dalla sede stradale. La fuga del bandito è quindi terminata con un incidente, a causa del quale ha riportato gravi lesioni e fratture a tutti gli arti, per le quali è stato ricoverato all'ospedale di Montecchio.

I militari dell'arma hanno quindi proceduto con la perquisizione del mezzo, uscito distrutto dall'impatto, rinvenendo all'interno centinaia di occhiali e materiale per ottici, per un valore complessivo di circa 15mila euro. Successivi accertamenti, hanno permesso di scoprire che la Giulietta utilizzata per la fuga era stata rubata nel corso dei giorni precedenti ad un concessionario del territorio comunale di Venezia. Il bandito è stato pertanto dichiarato in stato di fermo per i reati di ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, e posto a disposizione dell'autorità giudiziaria di Vicenza.

Sono seguiti ulteriori approfondimenti, per ricostruire i movimenti del bandito e risalire ad eventuali complici: la dinamica della spaccata, infatti, aveva fin da subito fatto pensare ad un "lavoro di squadra". I militari sono quindi riusciti ad individuare un bed and breakfast in zona Terraglio, utilizzato come base momentanea, nelle notti precedenti, dal 29enne: al suo interno sono stati trovati altri due moldavi, entrambi pregiudicati e senza fissa dimora, sui quali sono scattati subito ulteriori accertamenti, per capire la loro relazione con l'arrestato e gli eventuali ruoli giocati nella messa a punto del furto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento