menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carabinieri sorprendono pescatori abusivi in azione: inseguimento in laguna

Tre chioggiotti denunciati, tra cui un minorenne, nella notte tra venerdì e sabato. L'intervento nella zona dell'isola di San Giorgio in Alga. Imbarcazione sequestrata

A pesca di "caparozzoli" in acque vietate, tre pescatori nei guai. I controlli sono scattati nella notte tra venerdì e sabato in laguna, in considerazione del fatto che la domanda di mercato del particolare prodotto ittico è in aumento. L'offerta, però, soffre di periodiche flessioni. E' per questo motivo che la pesca abusiva diventa un settore redditizio, anche se illegale. Spesso portato avanti con modalità devastanti per l'ambiente. Gli accertamenti dei militari si sono concentrati su barene e valli da pesca, oltre che su tratti di laguna antistanti Marghera, Malamocco e San Leonardo.  

I pescatori sono stati individuati nelle acque circostanti l’Isola di San Giorgio in Alga. Lì c'erano alcune imbarcazioni impegnate a muovere i fondali per la raccolta di caparozzoli, favorite da una provvidenziale bassa marea e dalla nebbia. Le barche si sono accorte all'ultimo momento dell'arrivo dei militari. Non appena hanno avvistato la motovedetta si sono dati alla fuga. A quel punto è scattato un inseguimento al termine del quale i militari dell'Arma sono riusciti a bloccare un "drifting". Saltando a bordo del natante. A bordo c'erano tre chioggiotti, tra cui padre e figlio. Il ragazzo era minorenne. 

Il trio è stato portato nella caserma di San Zaccaria per accertamenti. Nel frattempo i carabinieri hanno sequestrato circa 3 quintali di caparozzoli che, da prassi, sono stati rigettati in acqua. Al termine delle operazioni, i tre sono stati denunciati. La loro imbarcazione, assieme agli attrezzi utilizzati, è stata requisita. "In questo primo trimestre del 2017 il bilancio dei controlli effettuati dai carabinieri del Nucleo natanti, con oltre tre tonnellate di caparozzoli e 6 mezzi navali comprensivi delle attrezzature da pesca sequestrati - dichiarano in una nota i carabinieri - indica una tendenza al rialzo del fenomeno della pesca abusiva di vongole in laguna".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento