menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il barchino e il  pescato sequestrati

Il barchino e il pescato sequestrati

Folle inseguimento a Chioggia, il barchino si schianta contro il ponte

La Finanza si è messa alle calcagna di tre fuggitivi che hanno finito la fuga in manette e in ospedale. Sequestrati 390 chili di vongole veraci

Non avevano alcuna intenzione di fermarsi all'Alt intimato dalla motovedetta della guardia di finanza di Chioggia. Anzi, erano pronti a mettere a repentaglio la propria incolumità e anche quella altrui pur di evitare un controllo che sarebbe stato con ogni probabilità foriero di guai. Così è stato. Nella notte tra mercoledì e giovedì un equipaggio della sezione operativa navale delle fiamme gialle ha intercettato nel Canale di Sottomarina, nella laguna di Lusenzo, una imparcazione di tipo "drifting" che aveva a bordo tre persone. Erano le 2.45. Alla vista delle forze dell'ordine, però, il conducente del natante ha accelerato l'andatura e ha tentato di seminare i baschi verdi.

Ne è scaturito un inseguimento ad alta velocità in uno spazio acqueo piuttosto ristretto, tra barche ormeggiate, bricole e canali certo non larghi. I fuggitivi hanno dato filo da torcere alle forze dell'ordine, visto che il loro mezzo era dotato di un potente motore a 250 cavalli. La loro fuga è durata una ventina di minuti, ma era solo questione di tempo prima che si registrasse uno schianto, cosa che è puntualmente avvenuta sul ponte di San Giacomo. A quel punto i finanzieri hanno abbordato l'imbarcazione finita nel mirino e hanno controllato chi fossero gli occupanti. Per uno dei tre, A.F., 35enne residente nella città clodiense, si è reso necessario il trasferimento in ospedale per un forte dolore alla spalla sinistra, poi risultata rotta.

L'impatto con il ponte deve averlo scaraventato contro lo scafo. La nottata si è conclusa in maniera ancora peggiore per un altro dei compari: V.M., 43enne di Chioggia, è finito in manette per resistenza a pubblico ufficiale e inosservanza alle norme di sicurezza. T.D., un 46enne, è invece stato denunciato per lo stesso motivo così come il ferito. Dopodiché si è capito anche il motivo della rocambolesca fuga: a bordo c'erano 390 chili di vongole veraci pescate in modo illegale e sprovviste di certificazione sanitaria: sono state sequestrate e, sentito il parere dei veterinari, ributtate nelle acque della laguna. Il barchino è stato trasportato in un cantiere in attesa del dissequestro amministrativo, che avverrà solo dopo il pagamento delle sanzioni inflitte al conducente. La cifra, in totale, ammonterà a svariate migliaia di euro. Confiscati anche gli attrezzi utilizzati per la pesca abusiva. Il proprietario del barchino è stato inizialmente posto agli arresti domiciliari, dopodiché ha chiesto e ottenuto il giudizio per direttissima: giovedì pomeriggio il giudice lo ha condannato a 4 mesi e 10 giorni di carcere, con pena sospesa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento