menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Intimano l'Alt ma l'Audi non si ferma: folle inseguimento per le strade di Portogruaro

E' successo verso le 14 di giovedì nelle vicinanze dell'ospedale. La corsa è durata diversi minuti ma nonostante i rinforzi del commissariato il fuggitivo è riuscito a scappare

Sorpassi più che azzardati e una velocità altrettanto folle, tanto che nonostante si siano messi alle loro calcagna almeno 3 mezzi delle forze dell'ordine sono riusciti a scappare senza essere fermati. Primo pomeriggio ad alta tensione verso le 14 di giovedì nel territorio di Portogruaro: tutto è iniziato da un Alt intimato al conducente di un'Audi A1 grigia nelle vicinanze dell'ospedale della città del Lemene.

Scatta l'inseguimento

Gli occupanti del veicolo finito nel mirino, però, non avevano alcuna intenzione di fermarsi e farsi controllare. Non si trattava di un posto di blocco delle forze dell'ordine, evidentemente gli agenti avevano avuto qualche segnalazione o si sono fatti guidare dall'istinto, a ragione. Il fuggitivo ha pigiato il piede sull'acceleratore e ha iniziato a scappare a tutta velocità: la pattuglia del commissariato ha chiesto i rinforzi ed è iniziata la folle corsa, continuata per una decina di minuti. Forse anche di più.

Velocità folle

L'Audi si è diretta verso l'autostrada, dove erano già state predisposte eventuali misure di sicurezza. Il fuggitivo evidentemente lo sapeva e, per questo motivo, è cambiato itinerario, riuscendo a seminare la polizia sulle strade principali del circondario. Indagini sono in corso per risalire, anche attraverso eventuali telecamere, al proprietario del veicolo e chi effettivamente si trovasse al volante. Ma il punto interrogativo principale è capire perché l'auto abbia fatto di tutto per evitare il controllo. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento