menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incidente: ubriaco fugge, inseguito in Tangenziale picchia gli agenti

Martedì sera movimentato per la polstrada: un 47enne residente a Pordenone è stato arrestato dopo un quarto d'ora di "caccia" fino in A27

Ubriaco al volante tampona un'auto e scappa senza prestare soccorso. Sono stati momenti molto concitati nella tarda serata di martedì sulla Tangenziale di Mestre: poco dopo  le 22, infatti, un 47enne residente a Pordenone ma di origini veneziane è fuggito dall'altezza dell'uscita della Castellana fino a oltre il bivio con la A27, in direzione Trieste. Inseguito dalla polizia stradale. Un quarto d'ora di caos e di acceleratore pigiato a tavoletta per seminare le forze dell'ordine.

All'inizio il 47enne ha impattato con la sua Ford Fiesta contro una Peugeot 206 con a bordo una sola persona, rimasta lievemente ferita nell'incidente. Dopodiché, lungi dal sincerarsi delle condizioni dell'altro conducente, l'ubriaco è scappato tentando di far perdere le proprie tracce. Immediato l'allarme alla polstrada, che si è messa alla caccia del malintenzionato (e pericoloso) automobilista. Ma la sua furia non si è sopita nemmeno nel momento in cui è stato fermato dopo aver imboccato la A27: l'uomo, poi finito in manette, ha aggredito in modo molto violento i due agenti che lo stavano cercando di bloccare.

Entrambi i poliziotti sono quindi dovuti ricorrere alle cure sanitarie, venendo dimessi dal pronto soccorso con una prognosi di una settimana. Prima di passare ai fatti, il 47enne aveva anche minacciato gli operatori e li aveva pure apostrofati in maniera pesante. Per questo motivo, oltre alla denuncia per omissione di soccorso, al pordenonese sono state strette le manette ai polsi: dovrà rispondere di lesioni, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento