Cronaca

Intesta a un deceduto i buoni-lavoro, poi li incassa: 60mila euro

Un 58enne di Scorzé ha patteggiato due anni e ora dovrà risarcire l'Inps. La Procura ha aperto l'inchiesta su segnalazione dell'Inps regionale

Intestava i vaucher del lavoro accessorio a un dipendente deceduto, e poi andava ad incassare tutto. Si sarebbe messo in tasca più di 60mila euro tra il 2011 e il 2012, un 58enne di Scorzé si è presentato davanti al giudice con l’accusa di peculato. Come riportano i quotidiani locali, quei soldi avrebbero dovuto rimanere nelle casse dell’Inps e ora a parziale risarcimento lascerà i 22mila euro del trattamento di fine rapporto.

L’uomo ha patteggiato una pena a due anni di reclusione, in questo modo è riuscito ad evitare sia carcere che arresti domiciliari. Per l’Inps l’imputato era referente a livello regionale del lavoro accessorio, rappresentato dall’insieme di attività lavorative che non portano al superamento dei 5.050 euro annui. Il pagamento della prestazione occasionale di tipo accessorio avviene attraverso i vaucher (detti anche “buoni lavoro”) che garantiscono non solo la retribuzione ma anche la copertura previdenziale dell’Inps e quella assicurativa dell’Inail. Il problema è che il 58enne questi vaucher li avrebbe usati in un lungo e in largo a proprio piacimento.

Stando alle accuse, l’imputato avrebbe emesso poco più di 2.800 vaucher intestati per la maggior parte ad una persona già deceduta. Incassava poi i buoni-lavoro e in questo modo avrebbe raccolto oltre 60mila euro. La Procura ha fatto scattare l’inchiesta dopo una segnalazione pervenuta dalla direzione regionale dell’Inps.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intesta a un deceduto i buoni-lavoro, poi li incassa: 60mila euro

VeneziaToday è in caricamento