menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Audi gialla, il presunto pilota della banda decide di far scena muta davanti al giudice

Venerdì mattina il 31enne albanese sospettato di aver fatto parte del sodalizio che ha seminato il panico a Nordest si è avvalso della facoltà di non rispondere. Caccia ai complici

Com'era prevedibile si è avvalso della facoltà di non rispondere venerdì mattina davanti al gip di Venezia Roberta Marchiori il 31enne albanese sospettato di essere l'autista dell'Audi gialla, con la quale una banda ha compiuto furti e rapine in Veneto dandosi poi a rocambolesche fughe sul filo dei 200 all'ora. Vasil Rama era stato estradato alcuni giorni fa dalla Grecia, dove era stato arrestato proprio per i colpi messi a segno in Italia.

Dopo l'interrogatorio di garanzia in carcere, l'albanese sarà sentito anche dal pm Stefano Ancilotto, il magistrato che ha coordinato le indagini dei carabinieri sulla banda. Il sostituto procuratore vuole chiarire, in particolare, chi siano stati i complici dell'uomo. La procura aveva chiesto al giudice l'arresto di altrii due cittadini albanesi, ma il gip aveva considerato insufficienti gli elementi portati a loro carico. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento