menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Decine di persone in ospedale, le ordinanze anti botti arginano i feriti

Nessun caso di particolare gravità nel territorio dell'Ulss 12 legata allo scoppio di petardi. A Jesolo invece un giovane ustionato al volto

Quella dell'ultimo dell'anno è stata una notte tutto sommato tranquilla ai pronto soccorso di Venezia e di Mestre. A Venezia il primario, dottor Michele Alzetta, segnala pochi decine di accessi, in buona parte per ubriachezza e piccoli traumi. Nel pomeriggio del 31 dicembre alcuni contusi, turisti, erano stati trattati al pronto soccorso del Civile a seguito di contusioni riportate a causa di un incidente a un mezzo acqueo Actv.

A Mestre la dottoressa Mara Rosada segnala nella nottata un cinquantina di accessi senza problematiche peculiari, se si escludono alcuni accessi dovuti all'abuso di alcol, in dei casi anche da parte di persone giovani. Un terzo degli accessi è dovuto a piccoli traumi; non si segnalano invece, né a Mestre né a Venezia, vittime di infortuni collegabili ai tradizionali botti natalizi.

Intenso il lavoro della centrale operativa del Suem 118, con più di trecento chiamate e un centinaio di interventi d'emergenza sul territorio. Nella prima mattinata la centrale operativa, che ha sede a Mestre, è stata visitata dal direttore generale dell'Ulss 12, Giuseppe Dal Ben, per una verifica sul lavoro svolto: la visita è stata anche l'occasione per un ringraziamento, anche nome della popolazione, e per un augurio di buon lavoro nel 2016.

FERITO A JESOLO - L'episodio più preoccupante a Jesolo, quando un 25enne residente a Mira, M.C., è stato colpito al volto dallo scoppio di un petardo che teneva tra le mani. Per lui necessario il trasferimento al pronto soccorso, dove gli sono state diagnosticate ustioni di primo grado alla faccia e alla mano destra. Traumi comunque non gravi. In ogni caso saranno necessari ulteriori accertamenti soprattutto a livello oculistico. Fuori provincia, in viale Codalunga a Padova, un 30enne di Fiesso d'Artico è stato soccorso mentre si trovava privo di sensi in auto. Si trova ricoverato in terapia intensiva nell'ospedale del capoluogo euganeo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento