menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Criticità idrauliche nel bacino di Cavallino, sbloccati i fondi regionali: via ai primi progetti

La Regione aveva già previsto investimenti per quasi 9 milioni di euro nel 2011, poi bloccati dal "fiscal compact". Obiettivi sicurezza idraulica e miglioramento ambientale

L'aveva già anticipato giovedì scorso il vicepresidente regionale del Veneto Gianluca Forcolin nel corso del suo intervento all’assemblea del Consorzio di Bonifica Veneto Orientale: la Regione, con la variazione al bilancio preventivo 2017-2019, ha finalmente potuto sbloccare i fondi per il finanziamento dei primi due progetti che andranno a sistemare l'idraulica del bacino del Cavallino, per un investimento totale di 8 milioni e 700mila euro. Fondi che erano stati finanziati nel 2011, ma che erano "incappati" nelle maglie del "fiscal compact". 

"Se potessimo godere del grado di autonomia che come Regione legittimamente chiediamo - osserva Forcolin - non ci troveremmo nella paradossale situazione di avere il bilancio in ordine, i soldi in cassa e di non poterli spendere, perdendo così anni prima di poter realizzare opere fondamentali per il territorio come quelle del Cavallino".

Sicurezza idraulica e non solo

I due progetti sbloccati hanno finalità sia di sicurezza idraulica, in particolare per le isole treportine e Punta Sabbioni, ancora non sufficientemente integrate nella rete di bonifica e per le quali si calcola di raddoppiare la capacità di deflusso della rete di canali, che di miglioramento ambientale, con particolare attenzione alla qualità delle acque canali consorziali di tutto il bacino che sconta una  grave penalizzazione provocata dalla mancanza di risorse idriche superficiali proprie, essendo circondato da acque salate, compreso il breve tratto di foce Sile sul lato Est.

Primi interventi per oltre 5 milioni di euro

Il primo intervento, dell’importo di 2.562.657,58 euro, riguarda lo scarico dei deflussi ordinari della rete di bonifica del bacino Cavallino al di fuori della laguna. Il secondo, di 2.978.171,00 euro, è relativo al collegamento irriguo di soccorso per la circolazione di acqua dolce proveniente dal bacino Ca' Gamba nella rete idraulica del bacino Cavallino. "Siamo riusciti a portare a casa un risultato  importante - commenta il presidente del Consorzio, Giorgio Piazza - e finalmente potremo dare avvio a lavori che i consorziati del Cavallino hanno atteso per troppo tempo a causa di una situazione purtroppo al di sopra della nostra possibilità di intervento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento