menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il dottor Giacomin e lo staff

Il dottor Giacomin e lo staff

Interventi endoscopici, all'Ulss4 tecniche all'avanguardia e training per il personale

Tra le innovazioni l'Ercp (Colangio-Pancreatografia endoscopica retrograda), che permette di affrontare malattie delle vie biliari e del pancreas come calcoli biliari o tumori

Tecniche avanzate nell'ambito degli interventi endoscopici fanno capolino all'Ulss4, con un aumento del numero e della complessità delle operazioni. Dopo la nomina del nuovo direttore di unità, il dottor Davide Giacomin, dallo scorso aprile, la Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva dell’Ulss4 annovera, tra i metodi, l'endoscopia Ercp (Colangio-Pancreatografia endoscopica retrograda), che permette di affrontare molte malattie delle vie biliari e del pancreas, come calcoli biliari, tumori che ostruiscono il flusso della bile, e complicanze della chirurgia laparoscopica.

Come funzione

Questa tecnica prevede l’introduzione di un particolare endoscopio che attraverso la bocca raggiunge il duodeno, dove sboccano in un unico canale bile e succo pancreatico. Nel corso della procedura l’endoscopista introduce un sottile tubicino nei dotti interessati dalla malattia e inietta una sostanza opaca ai raggi X (mezzo di contrasto) che consente la visualizzazione per via radiologica dei dotti biliari e/o del pancreas. Individuata la natura del problema, provvede ad affrontarlo con le opportune tecniche.

Addestramento con simulatori

E’ una procedura che prevede l’impiego di accessori e dispositivi sofisticati il cui utilizzo richiede un continuo addestramento. Per questo motivo il dottor Giacomin ha svolto un programma di formazione e addestramento del proprio staff medico e infermieristico, con l’utilizzo di un sofisticato simulatore di Ercp. "Come i piloti degli aerei si esercitano con simulatori di volo, allo stesso modo – dice il dottor Giacomin – è doveroso che la mia équipe acquisisca o mantenga le massime competenze e abilità che si riversano in maggior efficacia e sicurezza sul paziente".

"Le mie congratulazioni al primario di questa unità operativa – aggiunge il direttore generale Carlo Bramezza – perché ha portato a un aumento sia del numero degli interventi che della complessità degli stessi, al punto da porci ai vertici regionali per quanto riguarda le metodiche endoscopiche".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento