menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale all’Angelo: portato a termine con successo intervento complesso al cuore

Una valvola difettosa raggiunta per un percorso inusuale è sostituita con successo dalle équipe di Cardiochirurgia e di Emodinamica: procedura utilizzata in pochissimi casi in Italia

Una modalità d'intervento utilizzata in pochissimi casi finora in Italia. Eppure l'operato delle équipe di Cardiochirurgia e di Emodinamica dell'ospedale all'Angelo hanno avuto successo, sostituendo una valvola nel cuore di un paziente, raggiungendola per un percorso lungo ed inusuale. 

 La valvola – spiega il primario di Cardiochirurgia dell’Angelo, Domenico Mangino –  artificiale posizionata già otto anni fa, nel cuore del paziente, è stata colpita da un’infezione ed era in pratica distrutta. Ci si prospettava un intervento complesso: avremmo dovuto intervenire dal torace del paziente, entrare nel cuore praticando un piccolo taglio nel vertice basso del ventricolo sinistro, per poi risalire attraverso il ventricolo verso la valvola e cambiarla. Sulla nostra strada, però, si frapponeva un bypass già in precedenza installato. Non restava che cercare una tecnica alternativa. Dovevamo arrivare al cuore utilizzando sottilissimi cateteri spinti e guidati attraverso vene e arterie".

“Il catetere è stato infilato nella vena femorale all’altezza dell’inguine – spiega il dottor Giuseppe Grassi – ed ha seguito il percorso sino ad entrare nel cuore. Aperto il varco, un secondo catetere, attraverso lo stesso lungo percorso, ha portato nel cuore la nuova valvola". Per tre  volte gli specialisti hanno percorso la vena cava del paziente, per arrivare al cuore, praticare il passaggio tra i due “atri”, portare in sede la nuova valvola e infine impiantarla. Durante tutto l’intervento il cardioanestesista, il dottor De Cosmo, ha guidato i colleghi, seguendo tutti i passaggi con l’ecocardiografia live, scrive l'ospedale.

“All’Ospedale dell’Angelo – spiega il direttore generale dell’Ulss 3 Serenissima, Giuseppe Dal Ben – le équipe di Cardiochirurgia e di Emodinamica operano costantemente affiancate, in particolare in questi interventi complessi. Professionalità, sinergia e collaborazione tra le équipe sono il tratto distintivo di un ospedale che ribadisce il livello raggiunto ogni volta che si presenta una sfida di eccellenza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento