menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavoro di squadra all'Angelo: due équipe risolvono tumore e cardiopatia di un paziente

L'operazione ha coinvolto il reparto di Cardiochirugia e quello di Chirurgia Generale. Interventi perfettamente riusciti e nuova vita per un paziente mestrino

Si è svolto nei giorni scorsi all’ospedale dell’Angelo un intervento chirurgico complesso su un paziente mestrino affetto contemporaneamente da tumore allo stomaco e da grave cardiopatia. L’intervento, effettuato ‘a cuore battente’, senza cioè fare ricorso alla circolazione extracorporea, è perfettamente riuscito: il paziente sta concludendo il breve periodo di riabilitazione per essere restituito al domicilio.

"La duplice patologia di cui soffriva il paziente - spiega il primario di Cardiochirurgia, Domenico Mangino - era gravissima: un tumore allo stomaco richiedeva l’asportazione urgente dell’organo; contemporaneamente però la situazione delle coronarie, molto malate, indeboliva gravemente il cuore, tanto da rendere impensabile l’operazione allo stomaco. Abbiamo percorso l’unica strada possibile, quella cioè dell’intervento successivo, nello spazio della stessa seduta operatoria, di due diverse équipe chirurgiche specialistiche; intervento congiunto che costituisce quasi un unicum, e si pone sulle frontiere più avanzate della chirurgia".

Nello spazio di cinque ore, la squadra della Cardiochirurgia ha operato sulle coronarie, con la collocazione dei necessari bypass, per poi permettere agli specialisti della Chirurgia generale di operare sullo stomaco intaccato dal tumore. "Abbiamo compiuto il duplice intervento - aggiunge Mangino - evitando di ricorrere alla circolazione extracorporea, che può favorire la diffusione della neoplasia. Entrambe le équipe hanno quindi operato ‘a cuore battente’, aggiungendo così un altro elemento di eccezionalità all’intervento".

Ricostruita la circolazione cardiaca, i cardiochirurghi hanno lasciato il campo all’équipe della Chirurgia generale, guidata dal Primario Maurizio Rizzo, che ha asportato lo stomaco attaccato dal tumore: "In cinque ore, la sala operatoria del nostro Ospedale - spiega il direttore generale dell’Ulss 12 Giuseppe Dal Ben - ha restituito al paziente una condizione di vita sanata rispetto alla duplice patologia, e rispetto al rischio evidentissimo di morte per il tumore o per infarto. Una sfida vinta grazie all’eccellenza dei suoi professionisti e all’ottimo livello della collaborazione tra le diverse équipe specialistiche: è così che l’Ospedale dell’Angelo dimostra ogni giorno di meritare il ruolo di Ospedale HUB per il territorio vasto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento