rotate-mobile
Cronaca Spinea / Via Pozzuoli

Braciere in casa per riscaldarsi, due persone soccorse per intossicazione da monossido

L'intervento di vigili del fuoco e sanitari del Suem nelle prime ore di lunedì mattina a Spinea, in via Pozzuoli. I due intossicati, extracomunitari, sono stati soccorsi dal 118

Uno dei due è stato trasportato al pronto soccorso di Mirano in codice giallo per un'intossicazione da monossido di carbonio, l'altro, pur lamentando giramenti di testa e altre conseguenze, appariva in condizioni meno pesanti. Poco dopo le 6 della mattina di lunedì è scattato l'allarme per due persone di nazionalità straniera (il più grave è un 39enne) che nel territorio di Spinea hanno chiesto aiuto perché non si sentivano bene. Hanno allertato il 118, che poi ha segnalato la vicenda anche alla centrale operativa dei vigili del fuoco. Fin da subito l'ipotesi è che le due persone avessero inalato monossido. Le procedure di soccorso sono state attivate immediatamente in un'abitazione di via Pozzuoli, in località Orgnano.

Vigili del fuoco e 118 sul posto

Ai vigili del fuoco, giunti sul posto con una squadra, è bastato poco per registrare la concentrazione del gas potenzialmente letale ed individuarne la fonte, che sarebbe un braciere a carbonella utilizzato per riscaldare l'appartamento. Al termine dell'intervento è scattato il trasferimento al pronto soccorso: il 39enne, di nazionalità senegalese, è rimasto intossicato in modo più serio, tanto da essere portato via in codice giallo. Ai pompieri è spettato il compito di ripristinare la salubrità all'interno dell'abitazione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Braciere in casa per riscaldarsi, due persone soccorse per intossicazione da monossido

VeneziaToday è in caricamento