Irruzione degli attivisti alla raffineria Eni di Marghera

Un'azione dimostrativa contro «il sistema che causa i cambiamenti climatici». È arrivata la polizia. La proprietà: «Accuse infondate, il nostro è un impianto bio. Sporgeremo denuncia»

Circa 250 attivisti in tuta bianca hanno fatto irruzione sabato pomeriggio all'interno degli impianti Eni di Porto Marghera: l'azione, spiegano gli organizzatori, è rivolta contro un'azienda che rappresenta un «esempio esplicito del modello di sviluppo distruttivo che sta generando cambiamenti climatici», oltre che delle «caratteristiche del sistema capitalista: diseguaglianze, distruzione dei territori, crescita anteposta alle necessità delle persone». L'iniziativa, inoltre, segna «la nascita del network "rise up for climate justice!"» come esito del climate meeting che si è svolto oggi al termine dei quattro giorni del Venice climate camp, ospitato al centro sociale Rivolta a Marghera. Alla raffineria Eni è intervenuta la polizia.

Il commento di Eni

La vicenda è stata così commentata da Eni: «Un gruppo di sedicenti manifestanti ambientalisti ha violato gli accessi alla bioraffineria di Venezia introducendosi illegalmente all’interno del complesso industriale, compiendo atti vandalici e in grave violazione delle norme sulla proprietà privata e relative alla sicurezza. Le motivazioni addotte come base del gesto illegale risultano peraltro totalmente infondate e pretestuose, considerato che la bioraffineria di Venezia è il primo caso al mondo di conversione da raffineria tradizionale in impianto bio, attualmente lavora una percentuale di oli alimentari esausti di oltre il 30% e non tratta idrocarburi dal 2014. Eni provvederà a sporgere denuncia all’autorità giudiziaria e a intraprendere ogni altra azione ritenuta opportuna per il risarcimento dei danni patiti».

signal-2020-09-12-172955-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento