menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Noventa, Isabella fu vittima di stalking e il pm accusa la Cacco: "È stata lei"

La tabaccaia veneziana, già accusata di omicidio premeditato e occultamento di cadavere, in concorso con i fratelli Freddy e Debora Sorgato, è indagata anche per il reato di stalking

Isabella Noventa, Manuela Cacco indagata per stalki Nuova svolta nel caso del delitto di Isabella Noventa, la segretaria 55enne di Albignasego scomparsa lo scorso 15 gennaio. Secondo il sostituto procuratore Giorgio Falcone, sarebbe Manuela Cacco - la tabaccaia veneziana in carcere dallo scorso febbraio con le accuse di omicidio premeditato e occultamento di cadavere, in concorso con Freddy Sorgato, ex compagno della vittima, e sua sorella Debora - la persecutrice della sfortunata Isabella, che, tra il settembre 2013 e lo stesso mese dell'anno successivo, presentò diverse denunce per stalking

TUTTI GLI ARTICOLI SUL CASO

ISABELLA "PERSEGUITATA DALLA CACCO". La donna aveva raccontato di telefonate ed sms, di bigliettini e lettere risalenti al periodo appena successivo all'inizio della frequentazione con Freddy. Messaggi anonimi - chi li inviava si firmava "R." o "La tua amica del cuore" -  dal contenuto spesso ambiguo: talvolta si trattava di pesanti insulti rivolti alla 55enne, appellata come "cornuta"; in altri casi sembrava che il mittente si fosse invaghito di Isabella, arrivando anche a scriverle "ti amo".

INDAGATA E ACCUSATRICE. Come riportano i quotidiani locali, il pm ritiene che la stalker fosse proprio la donna indagata per l'omicidio della segretaria di Albignasego, ma anche la principale accusatrice: a febbraio, con la sua confessione, la Cacco ha infatti riferito agli inquirenti che ad uccidere Isabella, a colpi di mazzetta, sarebbe stata Debora Sorgato, nella casa del fratello Freddy. Una ricostruzione, però, "de relato", ovvero "riferitale" da Debora una volta raggiunti i due fratelli nella villetta di via Sabbioni a Noventa. Né Freddy, che invece ha sempre sostenuto la versione di un gioco erotico finito male e di avere gettato il cadavere della povera Isabella nel fiume, né Debora hanno mai avvallato questa ricostruzione.

L'INCIDENTE PROBATORIO. I tre, che non si vedono dalla loro incarcerazione, si incontrarenno venerdì prossimo, quando Manuela Cacco sarà chiamata a ricostruire la sua versione sulla vicenda, nell'ambito di un incidente probatorio. La Procura vorrebbe "cristallizzare" la ricostruzione della tabaccaia, che verrà nuovamente interrogata, questa volta però in contraddittorio con le altre parti, alla presenza anche degli altri indagati, e il verbale che ne seguirà assumerà valore di prova nell'eventualità di un processo.


 

Potrebbe interessarti: https://www.padovaoggi.it/cronaca/isabella-noventa-manuela-cacco-indagata-stalking.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/PadovaOggi/199447200092925

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento