menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Isabella Noventa: scambio di sms incastra Freddy, Debora e Manuela Cacco

"Freddy è sulle spine. A quest'ora domani sarà tutto sistemato" e ancora "Ti amo, porta pazienza ancora per poco" questi ed altri messaggi proverebbero la premeditazione dei tre

Qualche giorno prima della scomparsa di Isabella Noventa, Freddy, Manuela e Debora, in carcere con l'accusa di omicidio volontario e premeditato, si sarebbero scambiati una serie di messaggi che per gli inquirenti proverebbero la premeditazione. Come riportano i quotidiani locali Manuela Cacco avrebbe scritto a Debora: "Freddy è sulle spine. A quest’ora domani sarà tutto sistemato", un sms che la metterebbe con le spalle al muro.

"ANCORA PER POCO". E ancora, Debora avrebbe scritto alla Cacco: "Ti ha detto della pizza?" mentre la tabaccaia Il 9 gennaio, sei giorni prima del scomparsa della 55enne segretaria di Albignasego, avrebbe scritto a Freddy: "Ti amo, porta pazienza ancora per poco". Per il pm Giorgio Falcone non ci sarebbe alcun dubbio: i tre, da tempo, avrebbero premeditato l'omicidio di Isabella.

VERSIONI. Il 9 maggio è fissato l’inizio del rito abbreviato. I tre indagati sono in carcere da oltre un anno, le ricostruzioni fornite sono diverse: Freddy Sorgato ha parlato di un gioco erotico finito male con Isabella Noventa. Manuela Cacco invece ha dichiarato di non c'entrare nulla col delitto e che Debora Sorgato le raccontò di essere stata lei a colpire la vittima con due colpi di mazzetta. Versioni cui evidentemente la Procura non ha creduto.

I FATTI. Rimane avvolta nel mistero la scomparsa di una donna il cui corpo non è ancora stato trovato. Nella notte tra il 15 e il 16 gennaio 2016, scompare Isabella. Poche ore prima, la donna è stata a cena con Freddy Sorgato, uomo con cui da anni vive una relazione turbolenta. Lui l'avrebbe poi accompagnata in centro a Padova: le telecamere pubbliche la riprendono mentre si muove per le vie della città. Poi, più nulla: si pensa ad un allontanamento volontario. 

LA MESSINSCENA. Nei giorni seguenti, si scopre che la donna ripresa dagli occhi elettronici non è affatto Isabella, ma Manuela Cacco, tabaccaia veneziana amante di Freddy e rivale in amore della 55enne. La messinscena travestita da Isabella fa parte di un piano messo a punto da Freddy, sua sorella Debora e la tabaccaia. Quella notte, infatti, con tutta probabilità la segretaria di Albignasego è stata uccisa.

LE RIVELAZIONI DELLA TABACCAIAManuela punta il dito contro Debora e Freddy e accusa lei di avere ammazzato la donna a colpi di mazzetta; rivela, inoltre, di essersi sottoposta alla messinscena solo per paura, dopo avere saputo che i due fratelli avevano appena ucciso Isabella. Anche a lei gli inquirenti non credono: Manuela potrebbe non essere stata materialmente l'esecutrice dell'assassinio, ma, secondo il pm Giorgio Falcone, anche lei era a conoscenza del piano omicida, come tutti gli altri.

STALKING. Manuela è indagata anche per stalking (proprio nei confronti di Isabella finché fu in vita) e simulazione di reato (per avere denunciato il furto - mai avvenuto - del telefono cellulare usato per perseguitare la 55enne).

SOLDI, PISTOLE E MARESCIALLO. Collaterali all'inchiesta sul caso Noventa, ci sono le indagini sulle pistole e sui 124mila euro rinvenuti a casa del maresciallo dei carabinieri Giuseppe Verde ex compagno di Debora e quelle che riguardano proprio quest'ultimo, che per Debora avrebbe violato il database delle forze di polizia

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento