Cronaca Via Giacomo Matteotti, 42A/1

Levi-Ponti, corridoi allagati e temperature polari: "Situazione invivibile, così da anni"

Mattinata difficile per gli studenti dell'istituto di Mirano, alle prese con pioggia caduta dentro ai locali e 16 gradi in classe. Genitori e alunni in coro chiedono interventi urgenti

"Ogni anno è la stessa situazione". Genitori e studenti in coro si lamentano per le condizioni in cui versa l'istituto Levi-Ponti di Mirano, tra acqua che entra dal soffitto e temperature troppo basse per poter svolgere le lezioni. Una situazione invivibile, specie nella stagione fredda, come spiegato dai ragazzi. Sebbene anche d'estate ci sarebbero diversi problemi quando le temperature cominciano a salire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Corridoi allagati e temperature polari"

E non ha certo contribuito l'ondata di maltempo che si è abbattuta in provincia nelle ultime ore, con i locali dell'istituto "messi in ginocchio", come affermano loro, e difficili da praticare. "Piove dentro e i corridoi sono allagati - spiegano i genitori - Già questo basta a far capire come possa essere complesso frequentare la scuola e seguire le lezioni". Ma oltre ai disagi che si creerebbero quando la pioggia cade intensa, gli studenti avrebbero puntato anche il dito contro le temperature polari che si registrerebbero a scuola: "Fa freddo, dentro in classe sono solo 16 gradi".

"Da anni va avanti così"

"È da anni che andiamo avanti con questa situazione - spiega uno studente - Facciamo sempre finta di niente, ma non ce la facciamo più. La scuola ha bisogno di manutenzione, d'inverno si gela e d'estate si muore di caldo. È una vergogna che noi ragazzi e gli insegnanti siamo costretti in queste condizioni". E nella giornata di martedì, pare che gli studenti siano pronti ad uno sciopero per protestare contro la presunta mancanza di manutenzione in una scuola che sembrerebbe averne un gran bisogno.

"Alla base infiltrazioni dalle uscite di sicurezza"

Sulla vicenda è intervenuta la Città metropolitana: "A causa delle forti piogge della notte scorsa si sono verificate infiltrazioni di acqua dalle uscite di sicurezza - si sottolinea - L'acqua è filtrata all'interno del corridoio attraverso la fessura tra il pavimento e la porta di emergenza. Una problematica che si provvederà a risolvere valutando già nei prossimi giorni un intervento che andrà ad aggiungersi a quanto già avviato dalla Città metropolitana: un lavoro che sta interessando l’intero complesso scolastico suddiviso in Levi, 8 Marzo, Majorana con parziale sistemazione delle coperture per circa 400mila euro". Si tratta di un progetto che interessa circa 2.500 metri quadrati della superficie totale, 17mila metri quadri. I tecnici dell'Ente hanno eseguito un sopralluogo lunedì mattina e nei prossimi giorni continueranno gli accertamenti nei confronti dei plessi dove si sono verificati problemi di infiltrazioni o caduta di alberi". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Levi-Ponti, corridoi allagati e temperature polari: "Situazione invivibile, così da anni"

VeneziaToday è in caricamento