menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Italia-Cina, da Venezia un progetto per la difesa dei beni archeo-culturali

L'obiettivo è di offrire al paese asiatico, sempre più impegnato nell'opera di recupero e valorizzazione del proprio patrimonio archeologico e culturale, l'esperienza dei nostri istituti universitari, centri di ricerca e imprese

Parte da Venezia un progetto di collaborazione Italia-Cina nel campo della conservazione e valorizzazione dei beni archeologici e culturali. A palazzo Ferro-Fini, sede del Consiglio regionale, il presidente Clodovaldo Ruffato ha dato oggi il benvenuto ufficiale al gruppo di tecnici ed esperti cinesi, provenienti dalle principali città e province del paese, arrivati in Italia per organizzare le modalità pratiche di questa collaborazione, che dovrebbe iniziare tra poco più di un mese. Obiettivo del progetto, di cui il Veneto è capofila, al quale partecipano anche altre otto regioni e che conta sull'appoggio dei Ministeri degli Esteri e dello Sviluppo economico, è quello di offrire al paese asiatico, sempre più impegnato nell'opera di recupero e valorizzazione del proprio patrimonio archeologico e culturale, l'esperienza dei nostri istituti universitari, dei nostri centri di ricerca e delle nostre imprese.

 

Le principali realtà cinesi partners dell'iniziativa sono l'Università e il Capital Museum di Pechino, il Museo di Schangai, il museo di Nanchino (ha in programma il recupero dei 20 chilometri della cinta muraria della antica capitale cinese), le istituzioni preposte alla conservazione del patrimonio archeologico di Chongquing, una della quattro grandi metropli del paese, il Kong Family Mansion di Qufu, città natale di Confucio, la provincia dello Hunan, terra cha ha dato i natali a Mao e dove si trovano alcuni dei più importanti siti archelogici del paese, con presenza di sculture, terrecotte e libri di grandissimo valore. Il presidente Ruffato ha ricordato gli ottimi ed intensi rapporti tra la Cina ed il Veneto e le molte collaborazioni in essere tra i due paesi in tutti i campi.

 

"Sono certo - ha ribadito - che sarà questa una occasione per rinsaldare ulteriormente questo legame". Molti gli appuntamenti che la delegazione cinese ha in programma da oggi al 10 novembre. Domani, dopo la visita odierna al Vega e due incontri con esponenti universitari, sarà alla Scuola Grande di san Giovanni Evangelista per la presentazione del progetto, presente l'assessore al turismo Marino Finozzi. Mercoledì 31 visita a Malo (Vicenza), Castelfranco e Asolo. Venerdì 2 farà tappa in Friuli, dove visiterà tra l'altro la Scuola del Mosaico di Spilimbergo. Seguiranno tre giorni di incontri a Milano. La delegazione si recherà infine a Bologna per un incontro con la facoltà di ingegneria dell'Università, a Firenze, per una visita al museo del restauro, e a Roma dove concluderà la sua missione.
(ANSA)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento