Iva sulla Tia, rimborsi ancora bloccati. Adico: "Ministero disinteressato ai cittadini"

Sono passati quattro mesi dalla decisione della Corte Costituzionale, che a marzo ha dichiarato illegittima l'imposta sulla tassa. Ma allo stato attuale non ci sono ancora sviluppi

"Ancora una volta lo Stato dimostra il proprio disinteresse nei confronti delle sentenze e dei cittadini". A quattro mesi di distanza dalla decisione della Corte Costituzionale, che a marzo ha dichiarato definitivamente illegittima l’Iva sulla Tia, la tassa di igiene ambientale, non è stato decretato alcun rimborso.

"Quei soldi devono essere restituiti subito agli utenti”. Carlo Garofolini, presidente dell’Adico, lancia un ultimatum al Ministero della Finanze affinché sblocchi i soldi dell’Iva non dovuta, soldi che devono essere restituiti agli utenti tramite Veritas. "Come ci era stato consigliato dallo stesso amministratore delegato di Veritas - continua Garofolini - abbiamo invitato i nostri soci a inviare all’azienda la richiesta di rimborso. Allo stato attuale, però, il Ministero non ha ancora tirato fuori le cifre dovute e quello che dà ancora più fastidio è il suo silenzio, che testimonia appunto un disinteresse per le sentenze e per i cittadini. Quando lo Stato avanza soldi, anche pochi euro, smuove mari e monti per obbligare il cittadino a pagare, quando avviene il contrario, fa finta di nulla e non rispetta neppure le decisioni della Corte Costituzionale. Un comportamento vergognoso".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli utenti privati, com’è ormai noto, avanzano importi che variano fra i 70 e i 100 euro, per il Mef uno sforzo economico che si aggira attorno ai 20 milioni di euro. "Capiamo che non sono pochi soldi - sottolinea ancora il presidente dell’Adico - ma se c’è una sentenza questa deve essere rispettata. Tra l’altro si dice che la spesa per i calcoli che dovrà effettuare Veritas per ogni singolo utente verrà addebitata agli stessi cittadini. Questo ovviamente non deve assolutamente avvenire e quindi monitoreremo la situazione pronti a intervenire immediatamente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

  • Coronavirus, i numeri di oggi in Veneto e provincia di Venezia

  • Nicolò, «atleta e professionista in campo e nella vita». Il ricordo degli amici

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento