menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Jesolo e alberi, polemica continua: ignoti ne tagliano quattro di notte

Il vandalismo in piazzale del Mercato da parte di ignoti. Il sindaco Zoggia: "Intervento solo in via Pindemonte, serve abbassare i toni"

Tra polemiche, critiche, atti vandalici e gente incatenata ai tronchi, di giorno in giorno la "saga" riguardante i pini marittimi di via Pindemonte a Jesolo si arricchisce di qualche novità in più. Non ultimo il taglio di quattro alberi da parte di ignoti nella notte tra venerdì e sabato vicino al cimitero di Jesolo Paese, in  piazza del mercato. Gli alberi sabato mattina apparivano circondati da transenne. Un episodio destinato a rinfocolare le polemiche attorno alla decisione del Comune di tagliare i pini marittimi di via Pindemonte per cercare di mettere in sicurezza la strada, gravemente danneggiata dalle radici. Un intervento sperimentale, per evitare che ogni tre anni le casse comunali debbano sborsare fior di quattrini per le riasfaltature.

"Spendiamo mediamente oltre 250mila euro l’anno per la manutenzione e ripristini di strade, marciapiedi e altre aree deteriorate dalle radici dei pini - dichiara il sindaco Valerio Zoggia - Oltre a queste attività, bisogna tenere presente che nel piano annuale delle opere pubbliche vengono destinati circa 80mila euro (più Iva) al rifacimento di viabilità deteriorata dalle radici dei pini. Altro capitolo quello relativo alle assicurazioni dove, negli anni, a causa dei numerosi sinistri causati da rami e radici dei pini marittimi, i premi assicurativi e le relative franchigie sono lievitati sempre più. Nel solo 2014 le compagnie assicurative hanno liquidato sinistri causati prevalentemente da cadute su marciapiedi e strade sconnesse per oltre 300mila euro".
 
Dal primo cittadino arriva anche un invito a moderare i toni: "Penso sia arrivato il momento che tutti si diano una calmata – afferma – La questione che riguarda il taglio dei pini marittimi di via Pindemonte è legata, ripeto, ad una sperimentazione e decisa unicamente per risolvere un problema di sicurezza di quella strada. La Giunta non ha mai detto di voler tagliare i pini di via Bafile e non lo farà perché rappresentano l’immagine storica di Jesolo. Noto come alcuni consiglieri dell’opposizione stiano cavalcando questa questione unicamente per avere visibilità mediatica. Ora, il mio appello, è rivolto a tutti: capisco che ci possa essere chi non condivide alcune scelte, ma alterare la realtà delle cose non porta alcun beneficio, soprattutto alla città".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento