Nasce a Jesolo il nuovo stabilimento balneare Platinum Faro Beach

La stagione di Jesolo Turismo Spa sta entrando a pieno regime. Tra le novità anche l'accordo con i comuni trevigiani e l'utilizzo del legno dell'Altopiano di Asiago per allestire i percorsi e la segnaletica

Platinum Faro Beach

Le attività gestite da Jesolo Turismo Spa (società a partecipazione pubblico-privata con quote appartenenti a Comune, Aja e Confcommercio) stanno entrando a pieno regime con alcune novità: un nuovo stabilimento balneare e un accordo con i comuni della provincia di Treviso.

Un nuovo stabilimento al Faro

Si chiama Platinum Faro Beach, è stato allestito nella zona del Faro, nella porzione di spiaggia a fianco del Camping Jesolo International: è il nuovo stabilimento balneare jesolano, dotato di 340 posti con un distanziamento garantito in uno spazio di 33 metri quadrati per postazione. I posti possono essere prenotati attraverso l’applicazione “Jesolo Spiagge”, esattamente come avviene per gli altri due stabilimenti, l’Oro Beach e il Green Beach.

Convenzione con il Trevigiano

La seconda novità riguarda la partnership con i Comuni del Trevigiano, a fare da capofila Paese. Attraverso una convenzione, saranno messi a disposizione dei residenti di Paese 30 posti ombrellone ogni giovedì (nello stabilimento Green Beach), con il pagamento (ad ombrellone) di 9 euro, replicando in questo modo le agevolazioni fino ad oggi riservate ai residenti di Jesolo. Si tratta di un accordo che nell'intenzione dell'amministrazione potrebbe essere replicato anche con altri comuni, creando un effetto domino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Legno dell'altopiano di Asiago

Tra le iniziative di quest'anno anche "Bosco in spiaggia", promossa dai sette Comuni dell’Altopiano di Asiago, che hanno messo a disposizione di Jesolo 5mila metri cubi di legno di abete rosso. Si tratta degli alberi sradicati nell’ottobre 2018 durante la tempesta Vaia. Con questo legno verranno allestiti i percorsi per accedere alla battigia e per segnalare i posti nella zona della spiaggia libera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale fra una Punto e un camioncino, muore una ragazza

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Cade in acqua lungo la Riviera del Brenta e perde la vita

  • Un motociclista morto in un incidente stradale

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento