Poste: la nuova sede dei 51 portalettere del miranese

Presentato a Salzano il centro di recapito del Miranese: presenti sindaci e amministratori dei comuni interessati

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Riceviamo e pubblichiamo

"Il Centro Primario di Distribuzione nella zona industriale di Salzano - Robegano è la nuova sede di lavoro dei portalettere e centro organizzativo del servizio di recapito di un bacino formato dai comuni di Mirano, Salzano, Martellago, Spinea, Scorzè, Santa Maria di Sala e Noale nei quali vivono circa 144.000 persone. Nei sette comuni del Miranese sono impegnati 51 portalettere; la struttura lavora quotidianamente circa 1,5 tonnellate di corrispondenza ed oltre 5.000 tra raccomandate e assicurate e 450 pacchi; nella nuova sede lavorano anche 3 capisquadra ed altre 9 persone di staff e smistamento; direttore è Giosuè Buonagura. All'inaugurazione erano presenti il sindaco di Salzano Alessandro Quaresimin, che ha apprezzato la funzionalità della nuova sede ed ha ricordato l'importanza e la funzione sociale del lavoro dei portalettere. Un breve saluto anche dalla Presidente del Consiglio comunale di Mirano Renata Cibin; erano presenti poi la vicesindaca di Scorzè Nais Marcon ed il consigliere comunale di Martellago Tiziano Semenzato. Per Poste Italiane sono intervenuti la responsabile recapito delle province di Venezia e Rovigo Monica Benetti ed il direttore del Centro Giosuè Buonagura. Il nuovo Centro di Distribuzione è stato realizzato con un investimento di circa 200.000 euro: all'interno di spazi ampi, luminosi ed accoglienti sono stati installati nuovi casellari, che consentono di instradare la corrispondenza con maggior velocità e precisione, agevolando il lavoro dei portalettere, in particolare di coloro che stiano effettuando sostituzioni. Sono disponibili inoltre spazi adeguati per il carico e scarico e lo smistamento della corrispondenza. La disponibilità di una sede unica per tutti i portalettere del comprensorio permette inoltre una più efficiente gestione del personale e dei mezzi di recapito ed una più razionale organizzazione logistica. I portalettere del Miranese utilizzano in prevalenza le moto per la consegna della corrispondeza; sono presenti inoltre 9 auto per le consegne veloci. Tutti i portalettere sono dotati di un "palmare" e stampante che consentono di rendere più rapide le operazioni di consegna della corrispondenza e ne aumentano la capacità operativa e l'efficienza trasformandolo in un piccolo Ufficio Postale itinerante. Il privato, il professionista e le imprese possono così disporre di servizi di corrispondenza "su misura" e pagare bollettini di conto corrente rimanendo comodamente a casa o in ufficio utilizzando le carte postali (Postepay e Postamat) o le carte Bancomat dei circuiti internazionali Maestro e VISA Electron. Inoltre, la tradizionale cartolina gialla che avvisa il destinatario del tentato recapito di una lettera raccomandata è stata sostituita dall'avviso stampato direttamente dal terminale del portalettere e lasciato in cassetta in sua assenza. Poste Italiane ricorda che l'efficacia del servizio è, anche per la presenza di nuovi portalettere, legata anche a fattori esterni quali: un'adeguata toponomastica, un corretto indirizzo nelle corrispondenze (via e numero civico) e dalla collaborazione dei cittadini, attraverso l'installazione all'esterno delle abitazioni di cassette accessibili ai portalettere sulle quali devono essere indicati i destinatari di corrispondenza".

Torna su
VeneziaToday è in caricamento