Ancora i "falsi abbracci" per derubare persone anziane: due ladre bloccate

Furto a segno per strada a Martellago. Le giovani donne sono riuscite a liberarsi della refurtiva prima di essere prese

La tecnica è sempre la stessa: le ladre hanno finto di riconoscere due anziane per strada, chiedendo come stessero e facendo accenno ai loro figli. In questo modo si sono avvicinate e hanno circondato le vittime con un fugace abbraccio, durante il quale sono riuscite a rubare una collana e un orologio. Dopodiché sono salite a bordo di un'auto che le attendeva nelle vicinanze, probabilmente con un complice alla guida pronto alla fuga.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'episodio è avvenuto a Martellago nel fine settimana. In pochi minuti le anziane hanno denunciato il fatto ai carabinieri, che hanno diramato un ordine di ricerca e sono riusciti a individuare le responsabili, non distante. Erano a bordo della stessa utilitaria fuggita poco prima e il loro aspetto corrispondeva a quello descritto dalle vittime, che sono state chiamate a riconoscerle. I gioielli rubati, però, erano spariti. Le due (la 22enne S.R. e la 28enne M.C., entrambe di etnia Rom, pregiudicate) sono state denunciate in stato di libertà con l'accusa di concorso in furto aggravato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ragazzo di 25 anni si è sparato e ucciso in una palestra di Marghera

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Il Mose evita l'acqua alta a Venezia. Venerdì previsti altri 130 centimetri

  • Nicolò, «atleta e professionista in campo e nella vita». Il ricordo degli amici

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento