rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca San Donà di Piave / Via Calnova

Sorpresi mentre tentavano di rubare termosifoni a San Donà, arrestati

Non è la prima volta che l'ex caserma Tombolan Fava viene presa di mira. Di nuovo la chiamata di un cittadino il 4 aprile ha permesso di fermare tre ladri di origine romena in flagranza di reato

Ancora una volta l'ex caserma "Tombolan Fava" viene presa di mira dai ladri, e ancora una volta la segnalazione di un cittadino permette ai carabinieri di arrestarli. Come l'8 marzo scorso, in cui finirono in manette tre italiani, nella tarda mattinata del 4 aprile i militari dell'Arma hanno sorpreso i malviventi mentre si accingevano a caricare il loro furgone con una quarantina di radiatori. Un residente ha visto entrare nell'edificio, ormai in disuso da tempo, un Ford Transit bianco con a bordo tre persone. Insospettito, ha chiamato le forze dell'ordine.

I carabinieri, con il coordinamento del maresciallo Pellizzi, hanno subito individuato in posizione defilata il furgone, a bordo del quale è stato fermato Claudius Georgian Vidoni, cittadino di origine romena di 23 anni senza fissa dimora. Durante la perquisizione gli è stato trovato addosso un coltello a serramanico, sequestrato.

Gli altri due individui, Eugen Gaicea, 30enne, e Cosmin Gabriel Gherghesanu, 21enne, entrambi di origine romena e senza fissa dimora, sono stati trovati all’interno di uno dei fabbricati che costituiscono il complesso, intenti a tagliare i tubi dei radiatori in ghisa che ancora si trovavano collegati al vecchio impianto di riscaldamento.


I tre sono stati denunciati per tentato furto aggravato in concorso. In più, per il 23enne è scattata la denuncia per porto ingiustificato di arma da taglio. Nella mattinata di ieri sono stati accompagnati nelle aule del Tribunale di Mestre dove il giudice ha condannato Eugen Gaicea e Cosmin Gabriel Gherghesanu alla pena di un anno di reclusione e 80 euro di multa. Claudius Georgian Vidoni, invece, è stato condannato alla pena di un anno e dieci giorni di reclusione e alla multa di 80 euro. Per tutti è stato concesso il beneficio della sospensione della pena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpresi mentre tentavano di rubare termosifoni a San Donà, arrestati

VeneziaToday è in caricamento