menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I danni lasciati dai ladri

I danni lasciati dai ladri

Ladri furiosi: devastate le piscine di Maerne, buttato giù pure un muro

L'incursione nella notte tra martedì e mercoledì in via Olmo. Macchinette vandalizzate, telecamere danneggiate: "Un conto da migliaia di euro"

Hanno addirittura bucato un muro per riuscire a penetrare nell'ufficio della direzione. Tanti danni, come spesso accade, ma bottino magro per i delinquenti che nella notte tra martedì e mercoledì hanno deciso di mettere a soqquadro le piscine comunali di Maerne di Martellago di via Olmo. Noncuranti del sistema d'allarme, anzi prendendosela proprio con la videosorveglianza. Tentando di distruggerla, per non lasciare indizi utili ai carabinieri.

Fatto sta che la sede è stata devastata: i delinquenti verso le 2 hanno forzato una finestra e hanno messo piede nello stabile. Non è chiaro cosa intendessero fare: o meglio, il piano era riuscire a far razzia di soldi e attrezzatura tecnica. Ma c'era ben poco da portarsi via. Mercoledì mattina l'inventario era ancora in corso, ma subito è stato chiaro ai responsabili che il conto per rimettere in sesto le strutture sarebbe stato molto salato. Già solo l'aver distrutto un muro la dice lunga sulle intenzioni "bellicose" degli intrusi, con ogni probabilità indispettiti dal bottino molto magro che sono riusciti a racimolare.

Dopo aver forzato la finestra se la sono presa con le macchinette distributrici di bevande. Sono state vandalizzate e lasciate a terra. Poi una visita negli spogliatoi della struttura, dove potrebbero essere state trafugate delle divise. Nel mentre si sono lasciati alle spalle porte e serramenti divelti. Telecamere e sistema di videosorveglianza danneggiati. Poi la decisione di buttare giù il muro per entrare nell'ufficio della direzione: "Avrebbero avuto altri itinerari più semplici - dichiara Mosé Bonaldo, il responsabile della struttura - già solo questo danno ci costerà migliaia di euro - poi dentro l'amministrazione hanno aperto gli armadi e forzato i cassetti. Messo a soqquadro tutto. Per fortuna non teniamo soldi o materiale di valore. Ma stiamo ancora cercando di capire se ci hanno rubato qualcosa. Queste persone però già così ci hanno causato un danno molto pesante". I primi ad arrivare sul posto sono stati gli operatori della vigilanza Axitea, seguiti poi dai carabinieri. Che hanno subito effettuato i rilievi di rito. Dei delinquenti però nessuna traccia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento