menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gli oggetti sequestrati

Gli oggetti sequestrati

Ladri fanno retromarcia e rischiano di finire addosso alla volante della polizia a Jesolo

E' successo nella notte tra mercoledì e giovedì in via Bafile. A bordo dell'automobile, una Peugeot, asta, tirapugni e arnesi da scasso. Erano "finti turisti" sul litorale. Due i denunciati

Escono da  una strada laterale in retromarcia a tutta velocità proprio nel momento in cui stava sopraggiungendo una volante del commissariato di Jesolo. Ci è mancato poco, secondo una nota della questura, che si verificasse un incidente stradale. E' accaduto poco prima dell'una nella notte tra mercoledì e giovedì in via Bafile, all'altezza del 28esimo accesso al mare. A finire nei guai i passeggeri di una Peugeot 307, che hanno scelto un momento decisamente sbagliato per immettersi sulla principale. "Solo la prontezza di riflessi dell’autista della volante, che ha sterzato con decisione deviando dalla propria traiettoria,  ha consentito di evitare un incidente del tutto imprevedibile", continua la questura. 

Il veicolo, con targa ungherese, è stato fermato e sottoposto a controllo. Così come i suoi occupanti. A bordo si trovavano tre persone: B.B., cittadino ungherese di 28 anni, autista e proprietario del mezzo, G.E., cittadino albanese di 25 anni formalmente residente nel Lazio, e un terzo individuo. Durante le operazioni, alcuni residenti si sono avvicinati alla pattuglia segnalando che i tre, che effettivamente erano domiciliati in zona come turisti, erano in verità ladri dediti a furti nelle abitazioni. 

A suffragare le ipotesi dei residenti il fatto che all'interno della Peugeot sono stati trovati un tirapugni, un'asta metallica simile a uno sfollagente lungo 60 centimetri, una pinza, un cacciavite e un trancino. Oggetti naturalmente tutti sequestrati. B.B. alla fine è stato denunciato per il reato di porto di armi o oggetti atti ad offendere, mentre G.E. per il reato di mancata esibizione di un valido documento d’identità personale. Il terzo uomo controllato invece non ha avuto alcuna conseguenza. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento