menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ladri di Playstation 3 all'Ipercoop di San Donà, due colombiani in manette

Un ventenne e una 42enne sono stati pizzicati dalla guardia giurata mentre tagliavano le fascette antifurto dalla confezione della consolle da gioco. Condannati stamattina al pagamento di una multa

Coppia di ladri in azione all'Ipercoop di via Como a San Donà. Sono finiti in manette per furto, ieri pomeriggio, due colombiani: un uomo di 20 anni, residente a San Donà di Piave e una 42enne, residente a Treviso. I due erano entrati nell’ipermercato poco dopo le 18 e si era fermata con il carrello davanti agli espositori delle Playstation 3, prelevandone una. Nulla di anomalo se non per il fatto che una delle guardie giurate, che si trovano nel centro commerciale per il servizio antitaccheggio, ha visto l’uomo estrarre un taglierino dalla tasca e recidere dalla confezione le fascette che attivano il sistema di allarme alle casse. Fatto questo, è entrato all’interno di un camerino del reparto abbigliamento dove ha tolto l’apparato dalla confezione, passandolo, successivamente, alla compagna che lo ha riposto nella propria borsa.

Una volta giunto alle casse ha pagato alcuni articoli di poco valore che aveva riposto nel carrello, pensando di poterla fare franca, ma la guardia giurata, che nel frattempo aveva richiesto l’intervento di una pattuglia dei carabinieri, ha fermato la coppia che subito dopo è stata presa in consegna dai militari giunti tempestivamente. I due hanno così riconsegnato la consolle da gioco e, una volta identificati dopo essere stati trasportati negli uffici della stazione dei carabinieri, sono stati dichiarati in arresto per il reato di furto aggravato in concorso. Dopo avere trascorso la notte nelle camere di sicurezza di San Donà, stamattina hanno affrontato l’udienza fissata nelle aule del Tribunale a Mestre, dove il giudice ha condannato il 20enne a sei mesidi reclusione e al pagamento di una multa di 200 euro, mentre alla donna ha applicato la pena più lieve della reclusione di tre mesi e il pagamento della multa di 100 euro. Per entrambi è stata disposta la sospensione condizionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento