Controlli in stazione, coppia di ladri incastrata dalle telecamere grazie al tatuaggio

Gli agenti della Polfer, nelle serate a cavallo di Ferragosto, hanno fermato anche due nomadi del campo rom di Marghera intente a distribuire bigliettini per l'offerta di denaro

Piazzale della stazione di Padova

Nelle giornate a cavallo di Ferragosto gli agenti della Polfer hanno effettuato dei controlli mirati in zona stazione, a Padova, al fine di individuare e sanzionare tutti quei comportamenti che generano disturbo e molestie di vario genere. A tal proposito sono stati fermati due nomadi di origine romena di 18 e 19 anni provenienti dal campo rom di Marghera, sorprese aggirarsi per la stazione distribuendo bigliettini per l’offerta di denaro. Le due sono risultate avere a proprio carico diversi divieti di ritorno nei vari comuni del Veneto poiché responsabili di furto e molestie alle persone.

PRECEDENTE. Inoltre, le due nomadi erano già state denunciate dalla Polfer il 2 giugno scorso per il furto commesso all’interno del supermercato Despar presente nella galleria della stazione. Aggravanti che hanno portato gli agenti ad adottare nei loro confronti il divieto di ritorno a Padova per tre ani.

FURTO CON DESTREZZA. Nella giornata di sabato invece è stata denunciata una coppia di romeni, residenti a Milano, responsabili di furto con destrezza. La coppia era in sosta sul binario e ha atteso l’arrivo del treno diretto a Bologna per sottrarre il portafogli ad una ragazza che saliva sul treno. Nella ressa per salire a bordo i due hanno avvicinato la ragazza e messo le mani in tasca senza che la vittima si accorgesse del fatto, fingendo di dover anche loro prendere il treno. La vittima, una 29enne residente a Stra, una volta a bordo si è resa conto che quella coppia che la spintonava per salire, non era interessata a prendere il treno, ma solo a sottrarle il  portafogli. Ha quindi fermato il capotreno per raccontare l'accaduto.

La segnalazione è arrivata quindi alla Polfer che ha visionato i filmati rilevando la presenza della coppia di malfattori dei quali non si riusciva a vedere il volto. Determinante è stato però il tatuaggio di colore rosso sul braccio della donna. Quel "tattoo" ha permesso l'identificazione della donna fermata in serata all'esterno del piazzale della stazione. Gli agenti l'hanno sottoposta a perquisizione rinvenendo nella borsa i vestiti indossati al momento del furto e rilevati dalle telecamere e il portafoglio contenente 60 euro che la vittima del furto aveva nel frattempo denunciato a Bologna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento