menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ladri sorpresi in soggiorno poi fuga in extremis. Trovata un'auto rubata dopo l'inseguimento

Nottata di lavoro per le forze dell'ordine a Jesolo. Verso le 2 predoni scoperti in salotto da un inquilino di via Rovigo, poi trovata in via Palladio una Bmw cabrio trafugata a Treviso

Prima un furto in abitazione, poi il rinvenimento di un'auto rubata. Che i due episodi siano collegati o meno è impossibile allo stato saperlo. Fatto sta che a Jesolo, nella notte tra martedì e mercoledì, almeno una batteria di delinquenti si è messa al lavoro. Nel mirino gli appartamenti del Lido. A testimoniarlo è il signor M.C., che per avvertire i propri vicini ha scritto un messaggio su un foglio di carta e l'ha attaccato nel condominio di via Rovigo in cui in questo dimora in questo momento. 

Nel suo messaggio spiega che verso le 2 della notte si è trovato a tu per tu con i ladri in salotto. Quest'ultimi sono poi fuggiti, avendo la consapevolezza che il tempo a loro disposizione era scaduto. "Eravamo in due in casa con un cane - spiega il residente - ma questo non li ha fermati". Secondo il suo racconto gli intrusi sono fuggiti attraverso la finestra e il giardino, dopo essere penetrati nell'abitazione senza avere la necessità di forzare alcunché.

Dopo circa mezz'ora, invece, nella vicina via Palladio (a non più di quattro minuti in auto da via Rovigo) una guardia giurata della Securvigilar in transito si è accorta di un'auto sospetta. Era parcheggiata in maniera anomala. Un controllo al database da parte delle forze dell'ordine e si è subito capito che c'era qualcosa che non andava per il verso giusto: il veicolo, una Bmw 330 cabrio, risultava trafugato la sera stessa in quel di Treviso. A Casale sul Sile per la precisione. Dalle prime frammentarie informazioni pare che l'auto fosse parte del bottino di un'incursione perpetrata in un'abitazione. La Bmw è stata poi inseguita dai carabinieri del norm di Treviso, mentre fuggiva in direzione Meolo-Jesolo. Dopodiché di lei si erano perse le tracce. "Il motore era ancora caldo - spiega la guardia giurata - segno che avevano appena parcheggiato. A bordo avrebbero dovuto esserci tre malviventi. Sul posto sono intervenuti anche carabinieri e polizia, ma nei dintorni non è stato trovato nessuno. Si erano volatilizzati". 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento