Cerca di rubarle il cellulare prendendola per il collo e scaraventandola a terra: arrestato 21enne

L'uomo, nigeriano, ha tentato di strappare delle mani di una donna il telefonino mentre si trovava in via Piave a Mestre

Scaraventa a terra una ragazza per rapinarla del cellulare, ma viene subito individuato dalla polizia locale e arrestato in flagrante. È successo nella tarda serata di mercoledì, a Mestre. La vittima, una ragazza visibilmente tumefatta in volto, è riuscita a chiedere aiuto e a fornire una descrizione dell'aggressore alle pattuglie della polizia locale. Così, alla fine, il rapinatore è stato individuato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La rapina è avvenuta lungo via Piave, all'altezza di via Buccari. All'improvviso un ragazzo, un 21enne nigeriano, avrebbe scaraventato a terra la vittima, prendendola per il collo nel tentativo di sottrarle il cellulare. È stato grazie al sopraggiungere di alcuni passanti che il malvivente non ha potuto portare a termine il suo proposito: la vittima si è quindi rifugiata in un negozio di kebab per poi attirare l'attenzione della polizia locale. Al pronto soccorso dell'Angelo le sono state diagnosticate lesioni guaribili in 25 giorni circa. L'aggressore, che vanta precedenti per resistenza a pubblico ufficiale, falsa attestazione sulla propria identità, danneggiamento, violenza privata e rifiuto di fornire le proprie generalità, è stato arrestato e portato nel carcere di Santa Maria Maggiore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finiscono in acqua dal vaporetto, morte due donne

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Bollettino contagi e ricoveri per Covid-19 domenica mattina, regione e provincia

  • Coldiretti Venezia: si raccolgono adesioni per il lavoro in campagna

  • Bollettino serale, registrati tre decessi in provincia

  • Il bollettino Covid-19 del 3 aprile sera: ancora morti, calano i ricoveri

Torna su
VeneziaToday è in caricamento