menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presunto ladro bloccato dai passanti

Il presunto ladro bloccato dai passanti

I passanti non si girano dall'altra parte: il ladro viene bloccato

Il tentato furto giovedì pomeriggio in campo San Luca a Venezia. Manolesta fermata dalle persone presenti, poi è arrivata la polizia

Una dipendente di una gelateria di Rialto si accorge di essere stata derubata del cellulare e lancia l'allarme. Stava lavorando dietro al bancone quando un finto cliente l'ha distratta mentre il complice si è portato dietro il bancone e si è impossessato del telefono. La donna deve ringraziare la prontezza di riflessi e pure il coraggio di alcuni presenti, che non hanno esitato a fiondarsi su uno dei due presunti delinquenti, rincorrendolo fino a campo San Luca. L'hanno bloccato a terra per poi chiamare la polizia, intervenuta in pochi minuti. Non è stato un pomeriggio di "lavoro" come gli altri per un manolesta di origini dell'Est Europa, poi portato via dagli agenti. Tutto è avvenuto verso le 18 di giovedì in pieno centro storico, in campo San Luca. A intervenire anche il collega della ragazza, Javier, dominicano di 25 anni: "Ero sul retro quando dei veneziani sono entrati e mi hanno indicato che quei due avevano rubato il Samsung S6 della mia collega - racconta - allora mi sono messo alla ricerca. Si sono divisi, ma uno l'ho trovato in campo San Luca. Era di spalle. Così l'ho spinto a terra e l'ho bloccato. So come si fa senza correre troppi rischi".

Le testimonianze degli altri presenti coincidono: il fuggitivo riesce in extremis prima di essere bloccato a passare il cellulare trafugato al suo complice, il quale se la dà a gambe facendo perdere velocemente le proprie tracce. Uno dei due viene quindi immobilizzato a terra, in modo da non permettergli di evitare l'arrivo delle forze dell'ordine: "Stavo lavorando nel mio negozio - dichiara una testimone, S.P. - la mia attenzione è stata attirata dalle urla. Poi ho visto quella persona stesa sui masegni".

Per lui era chiaro fin da subito che ormai la frittata era fatta: "Gli dicevano di stare fermo, che sarebbe arrivata a breve la polizia - continua la donna - lui continuava a urlare 'no polizia, no polizia' con accento dell'Est". Tutt'attorno naturalmente si è subito creato un piccolo capannello di gente, dopodiché sul posto è arrivata anche una pattuglia aggregata al commissariato San Marco proprio per stringere le maglie dei controlli in area marciana. Le forze dell'ordine hanno raccolto le testimonianze dei presenti e hanno portato l'uomo, un 39enne lituano, nel commissariato di fondamenta San Lorenzo, dove è stato sottoposto ad accertamenti. La sua posizione giovedì sera era ancora al vaglio, alla fine è scattata la denuncia per tentato furto in concorso. "Lui all'inizio ha dichiarato di essere un turista - continua Javier, che è riuscito a tenere a bada l'uomo fino all'arrivo delle forze dell'ordine - non vuole fare il nome del suo complice. Nessun dubbio sul fatto che sia stato lui. A inchiodarlo ci sono anche le telecamere di sicurezza della gelateria. Non ho dubbi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento