Cronaca Zelarino

Il ladro seriale di Mestre incastrato di nuovo grazie alle impronte digitali

Un altro furto, avvenuto a Trivignano, è stato attribuito allo stesso giovane già arrestato dai carabinieri tre mesi fa

Nella seconda metà del 2020 aveva messo a segno numerosi furti tra Mestre e l'hinterland, diventando il "terrore" delle piccole attività commerciali. Undici gli episodi accertati, ma probabilmente ne aveva compiuti molto di più. I carabinieri lo avevano individuato e arrestato a marzo 2021: il ladro seriale era Gezim Stafa, classe 1999 senza fissa dimora, e il giudice ne aveva disposto la custodia in carcere.

In queste ore sono arrivati i risultati di un'analisi che inchioda Stafa anche per un ulteriore furto avvenuto in un salone di parrucchiere di Trivignano. I carabinieri in quell'occasione avevano rilevato delle tracce biologiche lasciate sul portone infranto, le uniche presenti perché i proprietari del negozio lo avevano pulito la sera precedente. Le tracce sono state inviate al Ris di Parma, che ha effettuato le analisi e accertato che le impronte appartengono allo stesso ladruncolo.

I furti erano avvenuti tutti con modalità simili: messi a segno di notte, quasi sempre ai danni di bar o tabaccherie, tramite l'effrazione di vetrate e infissi, con la sparizione di piccole somme (di solito il fondo cassa). Gli esercizi colpiti sono il bar “Double C” nel parco Bissuola, derubato per tre volte ad agosto, settembre e novembre; la tabaccheria Zanon di Campalto, due volte a dicembre e a febbraio; due volte il bar “80 Ristorante snackbar” di Marghera, a febbraio; il “Non solo caffè” bar di Chirignago visitato a settembre; i locali “Amici miei” e “Tiramisù” a Marcon nella stessa notte di novembre; “Snack bar Cadaloa” di Salzano, a dicembre. Alla lista si aggiunge, ora, il parrucchiere di Trivignano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ladro seriale di Mestre incastrato di nuovo grazie alle impronte digitali

VeneziaToday è in caricamento