menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ladro incallito: appena rilasciato tenta una spaccata a Marghera ma viene arrestato

Un 29enne tunisino preso dai carabinieri nella notte di martedì. Si è messo in trappola da solo nel negozio Ranarossa di piazzale Parmesan. Era stato appena denunciato dalla polizia

Nemmeno il tempo di uscire dalla questura dopo essere stato denunciato per tentato furto che si era già messo a rubare. Stavolta, però, è finito in manette. Non è stata una serata da ricordare quella di lunedì per un 29enne tunisino che ha combinato più guai che altro, riuscendo nell'impresa di mettersi in trappola da solo nel negozio Ranarossa di piazzale Parmesan a Marghera. "Per cercare di scappare è salito sopra una nostra stampante su tela - racconta uno dei gestori - il macchinario costa circa 1.500 euro, è un bel danno". I guai iniziano verso il tardo pomeriggio per il ladruncolo: viene sorpreso da una guardia giurata mentre tenta di trafugare della merce dal centro commerciale Panorama di via Orsato a Marghera. Sul posto intervengono le volanti, che bloccano il giovane e lo portano in questura per l'identificazione. Per lui una denuncia e dopo qualche ora il rilascio. 

A quel punto il 29enne non demorde, in preda a quanto pare anche all'alcol. Mette nel mirino il negozio di piazzale Parmesan, specializzato in abbigliamento personalizzato e accessori. Scaglia una pietra contro una finestra laterale e grazie al coperchio di un tombino la raggiunge, intrufolandosi nell'esercizio. Dopodiché si dirige subito verso il registratore di cassa, cercando di portarselo via. Anzi, sradicandolo e lanciandolo all'esterno. Con l'intenzione di recuperarlo più tardi. "All'interno c'erano solo 25 euro - sottolinea il gestore - ma è subito scattato il sistema d'allarme. Erano le 2.12 di notte". La prima segnalazione che qualcosa non stava andando per il verso giusto sarebbe partita da un passante che stava passeggiando con il cane. Capisce che c'è una spaccata in corso e attira l'attenzione di una pattuglia di vigilanza privata che sta transitando proprio in quel momento.

A quel punto intervengono i carabinieri: il delinquente, intuito che si sta mettendo male, si porta sul retro del negozio cercando vie di fuga. Sale sulla stampante professionale per raggiungere una finestrella, ma non riesce nel suo intento. E' in trappola. Da un'altra finestra invece riesce a entrare un militare dell'Arma che blocca materialmente il ladro e lo arresta, dopo una colluttazione. Sul posto anche il titolare dell'esercizio e, dopo pochi secondi dall'arrivo dei carabinieri, pure una pattuglia dell'istituto di vigilanza Securvigilar, cui è collegato il sistema d'allarme. Per il 29enne inevitabili le manette, a poche ore dalla precedente denuncia della polizia. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento