rotate-mobile
Cronaca Lido / Via Doge Michiel

Lido, un ladro ubriaco tenta il furto ma viene scoperto. Poi dà testate contro un muro

Un clandestino 32enne è stato arrestato e sanzionato dalla polizia nelle prime ore di sabato. In un estremo tentativo di sfuggire alla cattura ha tentato di autolesionarsi

Ubriaco e maldestro, si fa scoprire mentre tenta il furto in abitazione e viene raggiunto dalla polizia. Nelle prime ore della mattinata di sabato la volante in servizio al Lido di Venezia è intervenuta in una palazzina di via Doge Michiel dopo in seguito ad una segnalazione dei residenti. Giunti sul posto gli agenti hanno appurato che l'uomo si trovava ancora all'interno dell'edificio: sono entrati e lo hanno trovato per le scale, mentre tentava di sfuggire ai controlli salendo di corsa le rampe verso i piani superiori.

Una volta raggiunto il pianerottolo del terzo piano l’uomo, senza ulteriore via di fuga, il malvivente ha tentato la mossa della disperazione dando testate contro un muro. Bloccato, è stato identificato per S.E.M., 32enne tunisino, clandestino sul territorio nazionale, senza fissa dimora e pregiudicato per reati contro il patrimonio, la persona e le armi, tutti commessi tra Mestre e il Lido. Al primo piano aveva abbandonato alcuni attrezzi da scasso, tra cui un cacciavite, un martello, una pinza ricurva. Una porta si presentava graffiata e con segni di effrazione vari all’altezza della maniglia e del chiavistello.

Condotto al posto di polizia di via Dardanelli, l’uomo è stato posto in stato d’arresto per il reato di tentato furto in abitazione e per resistenza a pubblico ufficiale; inoltre è stato sanzionato per ubriachezza molesta, dato che emanava un forte alito vinoso e appariva palesemente alterato dall’assunzione di alcol. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lido, un ladro ubriaco tenta il furto ma viene scoperto. Poi dà testate contro un muro

VeneziaToday è in caricamento