Il lagunare Mario Manfrin morto nella caserma di Malcontenta

Il giovane militare di 24 anni sarebbe crollato a terra senza emettere un lamento e spirando pochi minuti dopo. Si pensa a una morte naturale

L'ingresso della caserma

Era uscito dalla doccia e si stava preparando per uscire con i compagni, quando, sabato intorno alle 17.30, senza un apparente motivo, il giovane caporal maggiore dei lagunari Mario Manfrin è crollato a terra senza un lamento e, a distanza di pochi minuti e nonostante i tentativi di soccorso, è morto.

LA TRAGEDIA – Il militare aveva 24 anni, era originario della provincia di Novara, viveva a Mestre con il fratello e, come riportano i quotidiani locali, da un mese era stanziato alla caserma Bafile a Malcontenta di Mira, assieme ai suoi commilitoni del reggimento Serenissima. Prima di allora il 24enne aveva prestato servizio a Vipiteno, nel “5 reggimento Alpini” e aveva già svolto alcune missioni di pace all'estero.

LA DINAMICA – Il ragazzo era appena uscito dalla doccia e si stava dirigendo verso la sua branda per prepararsi a uscire con i suoi commilitoni, poi, senza emettere un fiato, il giovane si è accasciato sul pavimento della caserma. I militari nelle stanze vicine hanno sentito il tonfo e sono accorsi immediatamente, e quelli di loro con nozioni di pronto soccorso hanno subito operato un massaggio cardiaco. Il giovane lagunare era ancora vivo quando, pochi minuti dopo, è arrivato il personale del 118 per provare a rianimarlo. Nonostante gli sforzi, non c'è stato nulla da fare: il militare è spirato nel giro di pochi minuti. Sul caso indagano ora i carabinieri, incaricati di svolgere compiti di polizia negli ambienti militari, e martedì si svolgerà l'autopsia del corpo. Il medico intervenuto ha svolto un primo sopralluogo cadaverico, senza trovare alcun segno di cause esterne: da segni di violenza provocati da corpi contundenti a fori sospetti di siringhe. In ogni morte sospetta e inspiegabile questo accertamento viene eseguito di prassi. Per il momento, quindi, l'ipotesi più accreditata è la morte naturale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento